menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Da agosto a febbraio 55 operazioni di mercato per l'Arezzo. Il riepilogo

Acquisti estivi e invernali, le cessioni. Le meteore e non solo. Così il mercato dell'Arezzo

Sono state 55 le operazioni mercato messe a segno dall'Arezzo tra giocatori in prestito, in entrata e in uscita, le operazioni guardando l'elenco degli svincolati, acquisti e cessioni. Un numero davvero imponente che supera quello messo a segno nella precedente gestione e che si attestò su 53 movimenti. Un elenco dettato da un mercato che ad inizio stagione sembrava improntato al low cost, per far fronte anche alle gestione economica ereditata, e che poi ha visto alzare l'asticella e il budget. Una rosa che ancora oggi annovera calciatori fuori dalla lista dei 24 e che in estate era partita dalla conferma di 10 elementi. Nello specifico erano stati confermati i difensori Baldan, Borghini e Luciani, quindi i centrocampisti Belloni, Benucci, Foglia, Picchi, Piu, Sussi e il capitano Cutolo tra gli attaccanti.

Il riepilogo estivo

Gli acquisti (23)
Uno in meno rispetto all'estate 2019. Primi innesti il difensore Cipolletta e il centrocampista Bortoletti, oltre al terzino Maggioni (ex Real Forte Querceta) che si era unito fin dai primi giorni di ritiro. Poi è stata la volta di Mate Males, quindi Gilli e Sportelli prelevati dal Torino rispettivamente a titolo definitivo e in prestito, mentre dal Cagliari è stata la volta di Nader. Dal Verona è arrivato Sane in prestito e dal Padova, dopo una lunga trattativa Pesenti, poche ore dopo Bonaccorsi che aveva iniziato la stagione al Borgosesia (serie D), seguito dai portieri Tarolli e Loliva. L'ultimo giorno di mercato ad ottobre ha regalato Di Nardo (prestito dalla Sampdoria), Merola (in prestito dall'Empoli) insieme a Sakho e Tamma a titolo definitivo dalla Pro Sesto. Il 9 ottobre è stata la volta di Alessio Cerci, unico acquisto ad essere presentato, e che ha richiamato l'attenzione dei media nazionali sul Comunale. A fine ottobre, dopo l'esonero di Potenza e Di Bari, l'Arezzo ha alzato il tasso tecnico e quello di esperienza. Ecco gli svincolati Arini e Cherubin, quindi Di Paolantonio. In piena emergenza Covid ecco Melgrati, ma i problemi di tesseramento hanno prodotto la firma di Sala e l'acquisto in pectore di Karkalis, poi ufficializzato a gennaio, oltre all'innesto di Soumah, ex Derthona. Non conteggiati negli acquisti perchè di rientro dai rispettivi prestiti i vari Maestrelli, Raja e Nolan oltre a Masetti e Mosti.

La tabella del mercato estivo

Le cessioni (9)
Non figurano in questo elenco (esattamente come accaduto nel report della scorsa stagione) i calciatori che si sono svincolati come SereniCeccarelliAntoniniGioè e Pandolfi, oppure Michele FogliaSbarzella e Zini. Non conteggiati nemmeno i prestiti arrivati a termine come quello di VolpicelliTassi e Gori. Il primo a essere ceduto è stato Daga, a quanto pare su richiesta del giocatore con destinazione Viterbese, seguito da Pissardo (prestito al Lecco), quindi Caso che andando in scadenza nel giugno 2021 o rinnovava o doveva essere ceduto come poi è stato, passando al Genoa (si parla di circa 250mila euro). Rescissione di contratto per Nolan e Dell'Agnello, idem per Mesina e Mosti ma anche per Masetti e Cipolletta. Ovviamente non va considerato il mancato trasferimento di Maestrelli al Livorno nell'ultimo giorno di mercato, saltato a causa della fideiussione dei labronici.

Il riepilogo invernale

Gli acquisti (12)
A gennaio, oltre all'arrivo del Vincenzo De Vito come responsabile dell'area tecnica, ecco il ritorno di Matteo Serrotti con contratto fino al prossimo giugno. A seguire l'approdo in amaranto, da Catanzaro, di Altobelli, ufficializzato il 3 gennaio insieme a Serrotti. 24 ore dopo l'arrivo di Sbraga dal Novara, quindi quello di Carletti dal Carpi in prestito con diritto di riscatto. A seguire dal Pescara, a titolo definitivo, è stato prelevato Ventola ed ecco il ritorno in viale Gramsci del portiere Melgrati, con il tesseramento poi andato a buon fine grazie al transfer arrivato dalla Spagna. Il 14 gennaio, proprio al giro di boa, ecco la fumata bianca per Di Grazia (in prestito dal Pescara) e Perez. L'ultima settimana di mercato ha portato in dote l'arrivo del difensore Pinna dal Catanzaro quindi gli innesti di Zitelli dalla Lupa Frascati e Iacoponi dal Team Nuova Florida, due società nell'orbita della New Energy Gas e Luce. Ultimo tassello l'attaccante Stampete dal Tor Sapienza.

Il riepilogo del mercato invernale

Cessioni (11)
Il primo a partire è stato il portiere Tamma, svincolato a inizio gennaio ma ufficializzato alla fine della sessione invernale, poi è toccato a Fabio Foglia, uno dei reduci della 'battaglia totale' passato al Lecco con la formula del prestito con diritto di riscatto. Doppio affare con il Bisceglie che ha preso il portiere Loliva a titolo definitivo e il terzino Gilli in prestito. Merola è tornato all'Empoli che lo ha girato subito dopo al Grosseto, mentre per il prestito di Sane si parlava da tempo del rientro al Verona con passaggio al Mantova, anche se si è consumato a fine mercato. Bortoletti, da giorni fuori rosa, dopo 10 presenze e 3 reti e l'interessamento di vari club (Viterbese, Piacenza e non solo) ha detto sì al Novara. Rescissone per Mate Males, altro giocatore finito fuori dai 24, idem per Maestrelli. Per Baldan dopo il ritorno da Livorno ecco il passaggio alla Pistoiese a titolo definitivo. Stessa formula per Borghini che dopo il derby, proprio nell'ultimo giorno del mercato invernale, si è trasferito all'Albinoleffe.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Come si trasforma il nostro corpo quando ci innamoriamo

  • Eventi

    Benedetta Torrini vince Sanremo Newtalent

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento