menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Il pozzo di Tofano

Il pozzo di Tofano

I luoghi del Decameron, il pozzo di Tofano

Una delle novelle del Decameron parla di quel pozzo che si trova in via dell'Orto, a due passi dalla casa del Petrarca

In via dell'Orto, nel cuore della parte alta della città, c'è un pozzo proprio a due passi dalla casa del Petrarca. Un pozzo che è un simbolo della letteratura italiana e in particolare del Decamerone di Boccaccio.
Nella settima giornata Lauretta viene invitata a raccontare la propria novella, la quarta di quel giorno, che è ambientata proprio ad Arezzo.

Tofano era un uomo particolarmente ricco che aveva sposato Ghita, una donna bellissima di cui divenne ben presto geloso senza alcun motivo apparente. La donna pensò così di punire il marito proprio facendolo ingelosire, iniziando così a rispondere al corteggiamento di un giovane.
Ghita sfruttò un alto punto debole del marito. Tofano amava bere e così la donna dopo averlo aiutato a coricarsi ogni sera usciva di soppiatto per incontrare l'amante che abitava anche lui nel centro storico di Arezzo.
Una sera Tofano, che si era accorto delle uscite notturne della consorte, rincasò facendo solo finta di essere ubriaco. Ghita ignara dell'inganno uscì di casa per incontrare il suo amante, ma quando tornò la porta dell'abitazione era stata sbarrata da Tofano che si affacciò alla finestra per svergognarla davanti a vicini e parenti.

Ghita lo supplicò di farla rientrare ma davanti ai no del marito minacciò di gettarsi nel pozzo di via dell'Orto. Approfittando dell'oscurità della notte la donna gettò un grosso sasso nella cavità. A sentire quel rumore Tofano uscì di casa temendo il suicidio della moglie che invece entrò nell'abitazione chiudendo all'esterno il marito. Le parti si erano invertite.
Ghita affacciata alla finestra richiamò l'attenzione dei vicini mentre Tofano la implorava di aprire la porta.
La donna accusò il marito di essere tornato per l'ennesima volta a casa ubriaco e così Tofano venne non solo rimproverato e deriso dai vicini, ma venne anche malmenato dai parenti di Ghita.
Tofano promise così di non essere più geloso lasciando la più completa libertà alla moglie. Della serie "becco e bastonato".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento