menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Cuochi aretini fanno conoscere la “chianina” al premier Conte

Visita del premier alla manifestazione Altergon: Conte si è complimentato con Lodovichi

Lunedì 14 ottobre, dopo aver fatto tappa ad Avellino, il premier Giuseppe Conte si è spostato in Alta Irpinia per la visita ad alcune aziende. Appuntamento nel nucleo industriale di Morra de Sanctis dove Conte si è recato alla Altergon Italia che è un centro di eccellenza e innovazione per la produzione di cerotti medicati e produzione biotecnologica di acido ialuronico ultra puro. Qui il premier ha partecipato alla presentazione del progetto Borgo 4.0 prima di recarsi allo stabilimento Ema del gruppo Rolls Royce.

Il premier ha incontrato anche i cuochi aretini che gli hanno fatto scoprire la Chianina. 

Durante la visita alla Altergon, infatti, il premier ha avuto occasione di una fugace pausa per gustare, assieme ai dipendenti dell’azienda nei locali della mensa, un pranzo veloce che ha contato tra le pietanze proposte un piccolo saggio dell’incontro gastronomico tra Campania e Toscana. E con gli chef si è fermato a parlare per conoscere meglio prodotti e pietanze.

La Campania ha proposto il baccalà un piatto che ha dato notorietà proprio a Morra de Sanctis, paesino dell’avellinese che guarda il lago e tutto il resto dall’alto verso il basso. Qui ogni anno ha luogo la Festa del baccalà che a tavola rappresentava il pesce (troppo caro per i pastori e i conta- dini) e poteva conservarsi meglio. Il premier ha potuto gustare, ed ascoltare direttamente dalle parole della Chef Carmela, cosa rappresenta ancora oggi questo piatto e perché è così amato ed apprezzato da richiamare sempre tanti amanti del buon cibo nella zona.

La Toscana invece ha potuto proporre la regina della griglia “La Chianina” oltre al prosciutto toscano dop ed il Pan briacone.

Tre prodotti straordinari che hanno richiamato l’attenzione dei commensali e del premier dimostratosi curioso e compiaciuto tanto da complimentarsi con il presidente regionale dei cuochi toscani Roberto Lodovichi che assieme agli appassionati gourmet Marco e Dimitri Pasquini si sono fatti ormai portatori della “fiorentina” nel mondo come simbolo di gusto e qualità che veicola la nostra bella regione e le sue eccellenze.

“E’ stato un vero onore poter condividere questa esperienza con i colleghi campani abbinando il meglio delle nostre culture culinarie senza tralasciare uno straordinario vino come l’aglianico del vulture che ha accompagnato il cibo in maniera egregia” ha dichiarato Lodovichi.

Una piacevole occasione per far conoscere anche al premier i nostri grandi prodotti e veicolare attraverso di loro la nostra toscanità.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento