Truffe agli anziani, Donati: "Plauso ai carabinieri di Arezzo, il Senato approvi la legge"

«Il Senato approvi al più presto la legge per prevenire le truffe agli anziani» commenta l'Onorevole Marco Donati. «Complimenti ai Carabinieri della Compagnia di Arezzo che hanno condotto un’indagine durata un anno che ha portato all’arresto di...

Donati 2

«Il Senato approvi al più presto la legge per prevenire le truffe agli anziani» commenta l'Onorevole Marco Donati. «Complimenti ai Carabinieri della Compagnia di Arezzo che hanno condotto un’indagine durata un anno che ha portato all’arresto di dodici persone ponendo fine alle truffe che in alcuni casi hanno superato i settemila euro. Le frodi alle persone anziane – continua Donati - sono un triste fenomeno purtroppo sempre più dilagante, che non si limita a colpire l’aspetto patrimoniale di persone deboli ma le ferisce nell’animo, con conseguenze anche psicologiche e sociali. Per questi motivi lo scorso settembre la Camera ha approvato una legge specifica promossa dall'onorevole Ermini, che ho sottoscritto e sostenuto convintamente, che prevede pene più severe per questo reato. Il mio augurio è che presto anche il Senato approvi il provvedimento convertendolo in legge prima dello scioglimento delle camere».

Con l'introduzione del provvedimento si punisce con la reclusione da 2 a 6 anni chi, con mezzi fraudolenti, induce persone vulnerabili a causa dell'età avanzata a dare o promettere denaro, beni o altra utilità.

«Il provvedimento – aggiunge Donati - prevede inoltre un'aggravante se il fatto avviene per mezzo di strumenti telefonici, informatici, telematici o utilizzando dati privati acquisiti senza consenso o fraudolentemente» spiega Donati.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

«Un aspetto decisivo e fondamentale è l'introduzione di misure, presenti nel provvedimento, che agiscano come deterrente: l'arresto in flagranza, la restituzione e il risarcimento del danno, l'innalzamento delle pene. Nel provvedimento è stata inoltre introdotta la limitazione alla sospensione condizionale della pena» conclude Donati.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento