"Basta polemiche. Ora conta come si riorganizzerà la sanità aretina". L'appello di Arezzo 2020 a sindaco e Asl

"Ci aspettiamo che, sbrigata la corrispondenza col comune, il direttore possa trovare tempo anche per i dovuti chiarimenti che operatori sanitari e cittadini aretini si attendono"

Il gruppo "Arezzo 2020, il tempo di cambiare" interviene nella querelle tra Comune di Arezzo e Asl sud est e riguardante la questione relativa ai tamponi eseguiti sulla popolazione della provincia.

"Non è possibile che sindaco e assessore alla salute e alle politiche sociali - spiegano i militanti di Arezzo 2020 - in questo delicato periodo proseguano una sorta di campagna elettore senza svolgere con responsabilità il ruolo che ricoprono. Se hanno domande, dubbi, suggerimenti, critiche nei confronti delle istituzioni sanitarie hanno il dovere di farlo percorrendo tutti i canali istituzionali che i loro ruoli prevedono e consentono. Hanno il ruolo, le occasioni, le relazioni, gli strumenti giusti e opportuni per farlo direttamente con la Asl e la Regione". 

Arezzo 2020 prosegue: "In questo periodo vanno di moda le videoconferenze, ma basterebbe alzare il vecchio telefono immune da pericolosi virus. Invece, a Palazzo Cavallo ci si applica in conferenze o comunicati stampa per farsi belli di fronte all'opinione pubblica anziché risolvere i problemi che eventualmente si rilevano. Da troppo tempo al posto di una collaborazione tra istituzioni pubbliche va in scena una inconcepibile guerra sulle spalle dei cittadini e questo non va assolutamente bene. Agli aretini interessa soprattutto avere chiarezza su come sarà organizzato il servizio sanitario nel prossimo futuro, vale a dire come l'ospedale San Donato e gli altrettanto fondamentali servizi territoriali saranno entrambi sviluppati e pronti a corrispondere validamente ai bisogni di salute dei cittadini".

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Arezzo 2020 pone una questione anche al direttore generale Antonio D'Urso. "Noi, che non abbiamo i canali istituzionali ed esecutivi dell'amministrazione comunale né rapporti diretti per conoscere le cose, negli scorsi giorni abbiamo chiesto che venissero chiarite alcune preoccupanti affermazioni da lui rilasciate alla stampa in merito alla sanità post coronavirus. Ci aspettiamo che, sbrigata la corrispondenza col comune, il direttore possa trovare tempo anche per i dovuti chiarimenti che operatori sanitari e cittadini aretini si attendono".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Arezzo, già 12 casi di Legionella. La Asl: "Ecco come si può contrarre e come prevenirla"

  • Travolta dal marito in retromarcia: è in prognosi riservata

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento