"La Regione Toscana ha sospeso finanziamenti a imprese e start up". La denuncia di Rossi e Mattesini

I due consiglieri comunali uscenti sono adesso in corsa per uno scranno regionale nella lista di Forza Italia

Duplice presa di posizione da Arezzo contro una misura adottata dalla Regione Toscana. Alessio Mattesini, presidente del consiglio comunale uscente e Angelo Rossi, consigliere comunale a fine mandato, hanno attaccato l'amministrazione regionale per aver sospeso finanziamenti alle imprese. Entrambi sono candidati per uno scranno nel conosiglio regionale nella lista di Forza Italia.

La dichiarazione di Alessio Mattesini

"Siamo in piena crisi economica, con le attività produttive e le imprese in grande difficoltà, e la Regione Toscana non trova niente di meglio che sospendere con un decreto i finanziamenti alle imprese. Sembra inverosimile ma purtroppo è la realtà: il decreto è il numero 12206 del 05 agosto 2020, con il quale la Regione Toscana decide“di sospendere, a partire dalle 23.59 dell’11 settembre 2020, per i motivi indicati in narrativa, la presentazione delle domande a valere sui bandi delle seguenti azioni del POR FESR14/20, ai sensi della delibera di G.R. n. 977/2020:–3.5.1 Aiuti alla creazione di imprese – Fondo microcredito;–3.1.1 sub azione a1) Aiuti per investimenti produttivi – Fondo rotativo;–3.1.1 sub azione a 2) Aiuti per investimenti produttivi – Fondo microcredito;–1.4.1 Sostegno alla creazione di start-up innovative”. Una scelta scriteriata ma purtroppo in perfetta linea con quello che sta accadendo a livello nazionale e regionale, dove non è possibile trovare traccia di una programmazione economica degna di questo nome. Stanno navigando a vista cercando consensi con bonus e mance elettorali, nel frattempo il sistema produttivo attraversa una crisi senza precedenti. Dobbiamo impedire a queste persone di portare l’economia italiana ad un punto di non ritorno, le prossime elezioni del 20 e 21 settembre rappresentano l’occasione per voltare pagina."

La dichiarazione di Angelo Rossi

"La Regione Toscana, a guida Pd, ha sospeso i finanziamenti a imprese e start up. Un atto vergognoso, considerando che è un anno horribilis per il tessuto economico regionale e nazionale. Eppure è così. È scritto nero su bianco: la delibera è la numero 977 del 27 luglio 2020. Queste le misure eliminate,  che “spezzano le gambe” ad imprese che non hanno ancora finito di leccarsi le ferite e chissà quando potranno farlo: 1. 3.5.1 Aiuti alla creazione di imprese – Fondo microcredito; 2. 3.1.1 sub azione a1 Fondo rotativo per investimenti RIS3; 3. 3.1.1 sub azione a2 Fondo microcredito per investimenti RIS 3; 4. 1.4.1 Sostegno alla creazione di start-up innovative; tutte e quattro sono misure importanti per il tessuto economico in considerazione soprattutto del fatto che riguardano la nascita e la creazione di nuove imprese, come detto, in particolare la misura 3.5.1 fondo microcredito che prevede un finanziamento a tasso zero rimborsabile in 7 anni dell’importo massimo di € 24.500 che però con questo atto viene sospesa con tutte le drammatiche conseguenze del caso per un'economia già devastata. E' doveroso da parte mia chiedere il ripristino dei finanziamenti, in primis per tutelare i cittadini. Ne va del nostro futuro, del nostro domani. Sia per le attuali generazioni che per i ragazzi che vogliono mettersi in gioco. Serve un cambiamento, non possiamo più aspettare. Atti del genere, lo ribadisco, dannosi solo per i cittadini, lo dimostrano. Il voto del 20 e 21 settembre deve essere, ancor di più, un’occasione da non perdere."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Dpcm 3 dicembre: dal 21 stop a spostamenti tra regioni. Nei giorni rossi si resta nel proprio comune

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Lorenzo, sfibrato dal Covid: "Ero uno sportivo, oggi respiro con fatica". E c'è chi lo insulta su Facebook: "Hai inventato tutto"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento