Tecnica dei loci per la memorizzazione, funziona davvero?

La tecnica dei loci, plurale del termine latino locus che significa letteralmente "luogo", è un'antica tecnica mnemonica utile a migliorare l'apprendimento. Ecco come funziona

Se siete alle prese con lo studio e avete bisogno di un aiuto per meorizzare meglio alcuni concetti la tecnica dei loci potrebbe fare al caso vostro. Il nome è il plurale del termine latino locus, che significa letteralmente "luogo" - anche chiamata "palazzo della memoria", è un'antica tecnica mnemonica introdotta in antichi trattati di retorica greci e romani. Utile per imparare concetti e ricordarli secondo un ordine preciso, sono stati moltissimi gli studiosi illustri che l’hanno utilizzata durante la storia, tra questi non possiamo non citare Cicerone.

Storia

Questa tecnica mnemonica viene attribuita a Simonide di Ceo, un poeta lirico dell'antichità. Durante un banchetto con il re tessalo Skopas, il poeta venne chiamato fuori dal palazzo per accogliere due giovani. Non appena uscì, il palazzo crollò seppellendo tutti i commensali. Dato che i volti dei morti erano rimasti sfigurati, il poeta riuscì a dare loro un nome ricordando il posto in cui erano seduti. Già questo fa intuire il funzionamento della tecnica.

Come funziona

Ma come funziona questa tecnica? Semplice, gli elementi da ricordare vengono associati a dei luoghi fisici. Per ricordare, quindi, in un certo ordine vari contenuti si ricorre alla memorizzazione di relazioni spaziali. La memorizzazione, in questo caso, è divisa in due aree:

  • Memorizzare e comprendere il concetto: capire e saper spiegare ciò che si è studiato, è il primo passo per poter ricordare. Il cervello umano, e con esso la memoria, funziona meglio con le immagini, le emozioni e le azioni. Dopo aver compreso un concetto, è bene, quindi, trasformarlo in qualcosa di reale, un’immagine concreta.

  • Dargli un ordine preciso: l’uomo ha sempre avuto una grande capacità di orientarsi nello spazio, ricordando dei punti particolari di alcuni percorsi compiuti. Secondo questa tecnica, bisogna sfruttare questa capacità spaziale per dare senso e ordine ad un discorso.

    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Spot
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...

In poche parole, si tratta di un metodo di miglioramento della memoria che utilizza la visualizzazione di elementi per ricordare e organizzare le informazioni. Un percorso con dei luoghi nel quale posizionare le immagini dei concetti da memorizzare. Ad esempio, molti campioni di concorsi di memoria affermano di utilizzare questa tecnica per poter ricordare visi, numeri e liste di parole. Grazie alla tecnica dei loci è possibile memorizzare un vasto numero di informazioni e collegarle tra di loro per creare un unico discorso.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Lezioni online alle medie? Quasi mai fatte, per i nostri figli solo compiti". La testimonianza di tre famiglie

  • Niente corona d'alloro ma festa grande per Arianna: un'altra aretina proclamata dottoressa

  • La discussione via web e la proclamazione. "Congratulazioni dottoressa Marta"

  • Didattica a distanza tra gap e contraddizioni. Il provveditore: "Dovere civico garantire le video lezioni"

  • Laurearsi al tempo del Coronavirus. Eleonora proclamata dottoressa con la tesi su De André

  • Scuole aretine tra emergenza e digitalizzazione. "Video-lezioni? Non ci tiriamo indietro”

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento