Orientoccidente 2017: Giovanna Marini a Castelnuovo dei Sabbioni e la Casa del Vento a San Giustino

L’inizio ufficiale del festival Orientoccidente è dedicato alla memoria: due concerti all’insegna del folk, della canzone popolare e della storia narrata con la musica per ricordare due terribili momenti della Seconda guerra mondiale. Martedì 4...

casa_del_vento

L’inizio ufficiale del festival Orientoccidente è dedicato alla memoria: due concerti all’insegna del folk, della canzone popolare e della storia narrata con la musica per ricordare due terribili momenti della Seconda guerra mondiale. Martedì 4 luglio al MINE, il Museo delle miniere di Castelnuovo dei Sabbioni, alle ore 21, sarà in scena lo straordinario concerto di Giovanna Marini. Sarà accompagnata da un’altra magnifica voce, quella di Francesca Breschi. Compositrice, etnomusicologa, didatta, cantautrice, chitarrista, eccellente cantante e cantastorie, Giovanna Marini ha attraversato molti decenni di storia italiana. E li ha raccontati con lucidità, e spesso ironia, utilizzando il canto sociale e le sue canzoni. Orientoccidente celebra i suoi ottant’anni in un luogo della memoria e in apertura del festival che, come ogni anno, inizia nel giorno dell’anniversario degli eccidi nazi-fascisti di Meleto e Castelnuovo. Prima del concerto ci sarà la proiezione del cortometraggio di Andrea Mugnai "Per la seconda volta” la storia di Enrico Angelini, partigiano.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Mercoledì 5 luglio ci trasferiamo a San Giustino Valdarno, nell’ex piazza della vigna vecchia, con il concerto di Casa del Vento. L'occasione è il tributo alla memoria dei martiri delle stragi di Villa La Grotta e dell’Oreno del 3 luglio 1944. Sei innocenti uccisi dai nazisti come rappresaglia e altri trentuno, pochi giorni dopo, quando un gruppo di paesani si apprestava a dare sepoltura a quelle vittime. Sul cancello del cimitero vennero catturati, uniti ad altri ostaggi, condotti al ponte dell'Orenaccio e fucilati.

Casa del vento torna a Orientoccidente con tutta la sua energia e i suoi cinque lustri di coerente ricerca musicale e di narrazione. Da Woody Guthrie a Patti Smith (memorabile il concerto a Montevarchi nel 2012) alle cento storie di resistenza e di opposizione raccontate tra ballate e canzoni scritte con la linfa dell’impegno sociale. La band si presenta con la sua formazione completa: Luca Lanzi (voce, chitarra); Francesco Moneti (violino, chitarra); Riccardo Dellocchio (chitarre); Sauro Lanzi (fisarmonica); Massimiliano Gregorio (basso); Fabrizio Morganti (batteria). L’ingresso è libero.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento