“Memorial Sestino” per ritrovare l’anima

Sarà una tavola rotonda, che si svolgerà sabato, 24 giugno, alle ore 10,30, ad analizzare il quotidiano di Sestino nell’ultimo mezzo secolo del Novecento, attraverso centinaia di articoli apparsi sulla stampa locale e nazionale. Ad essa...

sestino

Sarà una tavola rotonda, che si svolgerà sabato, 24 giugno, alle ore 10,30, ad analizzare il quotidiano di Sestino nell’ultimo mezzo secolo del Novecento, attraverso centinaia di articoli apparsi sulla stampa locale e nazionale. Ad essa parteciperanno don Andrea Czortek, docente presso l’ Istituto Superiore di Scienze Religiose di Assisi; Gastone Mosci, della Università di Urbino; Ada Salvi, della Soprintendenza SABAP di Siena; Mario Gori, già collaboratore del “Centro interregionale studi e ricerche della Civiltà Appenninica-Sestino”, creato sotto la spinta di Vittorio Dini, allora docente di antropologia culturale alla università di Urbino; Luigi Luminati, caporedattore de “Il Resto dl Carlino-Pesaro”, Paolo Malacarne, presidente della associazione “Città della Chianina”.

La mostra, organizzata presso la biblioteca comunale, con il titolo “Sestino, un paese in pagina. Fatti, cronache, varia umanità”, verrà inaugurata dal sindaco Marco Renzi e resterà aperta fino a Ferragosto; si avvale del supporto della amministrazione comunale, dell’Unione dei Comuni montani della Valtiberina e rappresenta una ripresa di attività della biblioteca sestinate per la stagione estiva, ricca di appuntamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
Nella stessa giornata, infatti, che si inserisce nell’ambito della “XXV Sagra della Bistecca”, è in programma “Notturno al museo”, con visite gratuite all’Antiquarium nazionale e alle zone archeologiche e la degustazione di una prelibatezza locale, cioè la “Focaccia del Centurione”. La mostra è stata possibile grazie alla collaborazione di privati, della biblioteca e soprattutto del “Centro Interregionale”, che ha conservato una buona documentazione, sia fotografica, sia della stampa.

Se la “Focaccia” è una rarità, non meno prelibata è la bistecca, che per tre giorni, dal 23 al 25 giugno, espanderà profumi saporosi in un paese che ormai è il detentore del maggior numero di capi bovini di razza chianina e che ospita a Ponte Presale la mostra nazionale di tale razza. Giorni, comunque, movimentati da vari appuntamenti: dalla “pedalata in Moun Tain Bike” fino al parco di Ranco Spinoso, al “1° Raduno Ape Tuning”, al “Torneo cavalleresco della Massa Trabaria”, originato da una bolla pontificia del 1465.

La mostra documentaria accompagna una storia di vissuti molto intensa.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • E' ballottaggio. Sondaggi, conferme e rimonte: la cronaca della giornata

  • Regionali, euforia nel centrosinistra. Giani: "Dedico la vittoria a mia moglie". Exit Poll Tg1: Ghinelli tra il 46,5 e il 50,5%

  • Regionali: Giani è governatore, Ceccardi conquista l'Aretino, Pd il partito più votato. Tutte le preferenze

  • Coronavirus, 17enne postivo: classe di una scuola superiore in isolamento. Tamponi in corso

  • Elezioni regionali 2020: i risultati di Arezzo. Susanna Ceccardi la più votata del comune

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento