menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Porta Sant’Andrea intitola l’area accanto al quartiere allo storico capitano Enzo Piccoletti

Figura molto amata, con i biancoverdi ha conquistato 4 lance d'oro ed è stato rettore onorario fino alla sua morte

Il quartiere di Porta Sant'Andrea intitola l'area accanto alla sede di via delle Gagliarde allo storico e carismatico capitano Enzo Piccoletti. Il 16 giugno scorso il consiglio comunale ha dato il via libera all'intitolazione votando all'unanimità un atto di indirizzo presentato dal consigliere Roberto Bardelli. Martedì 2 luglio alle 9,30 si terrà la cerimonia solenne in ricordo di un simbolo dei colori biancoverdi alla presenza delle autorità cittadine insieme a una rappresentanza in costume per onorare la storica figura di capitano nonché rettore onorario.

Enzo Piccoletti, (30 marzo 1925 - 3 febbraio 1996) nel dopoguerra è stato uno degli artefici della ripresa della Giostra; capitano del quartiere di Porta Sant’Andrea dal 1960 al 1975, ha conquistato quattro lance d’oro nel 1963, 1968, 1970 e 1975.

Dopo la morte di William Monci, nel 1970, ricostituì il gruppo Musici, restituendolo alla città e organizzando le prime trasferte all’estero. Ha anche fatto parte della Magistratura della Giostra del Saracino dal 1976 al 1981 e, infine, è stato rettore onorario del Quartiere dal 1982 sino alla sua morte.

Notevole la sua produzione libraria: le due edizioni di “Terra d’Arezzo un cantico” del 1977 e del 1982 furono per anni gli unici libri, unitamente a “Le mille lance del Saracino” di Dissennati, a parlare di Giostra. Nei due libri Enzo fece anche un interessante spaccato della vita dell’Arezzo popolare negli anni a cavallo tra due guerre. Seguirono altre pubblicazioni: un libro sui personaggi aretini dell’epoca e altri volumi, infine la pubblicazione de “la Giostra del 1904” dopo il ritrovamento dell’opuscolo stampato per la Giostra in onore di Petrarca. Il ritrovamento fu importante, perché sfatava la leggenda sul ripristino della Giostra nel 1931 in seguito al casuale ritrovamento di documenti. I lavori di Enzo, pur con alcuni limiti oggettivi, costituiscono una fonte molto importante per quanti studiano il costume e la storia popolare di Arezzo di quegli anni.
 

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    La nuova frontiera social: postare foto senza trucco

  • social

    Zecchino d’Oro: aperti i casting online per la Toscana

  • Gossip Style

    Estate 2021, la moda delle perline colorate

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento