"Ubi, ci aspettiamo decine assunzioni ad Arezzo. Matrimonio con Intesa: che fine faranno le filiali ex Etruria?"

La riflessione di Fabio Faltoni, sindacalista della Fabi di Arezzo, che fa il punto sul futuro degli sportelli aretini di Ubi Banca, alla luce del nuovo piano industriale e delle voci su una possibile aggregazione

"Dopo la levata di scudi della Fabi e la contestuale richiesta di chiarimenti su numeri che sembravano troppo incerti, Ubi Banca ha affermato che la revisione del Piano industriale prevede un nuovo assunto, ogni due prepensionamenti (circa 2mila) – e non uno su tre, come sembrava -, prepensionamenti che saranno volontari e attuati grazie al Fondo Esuberi del settore bancario. Non solo, anche Banca Intesa ha ritenuto opportuno ribadire che, se va in porto l’aggregazione con UBI e la vendita di filiali a Bper, gli esuberi di personale saranno 5mila, ma con 2.500 nuove assunzioni". Parte da qui la riflessione di Fabio Faltoni (foto sotto), sindacalista della Fabi di Arezzo, che fa un punto sul futuro delle filiali aretine dell'istituto di credito, tra cui le numerose ex Etruria.

Foto Fabio Faltoni G Tv-2

"Da questo quadro nazionale - dice Faltoni - vogliamo fare due considerazioni di carattere locale, partendo dall’occupazione. Delle nuove assunzioni annunciate dal Gruppo Ubi (circa mille, sui quasi ventimila dipendenti), ce ne aspettiamo una congrua parte nella provincia di Arezzo, almeno qualche buona decina. Una terra, la nostra, che sta dando un evidente contributo ai risultati del Gruppo, come sovente e giustamente ribadito anche dal responsabile della macroarea Toscana-Umbria-Lazio Cristian Fumagalli.

Stessa cosa ci aspettiamo da Banca Intesa, qualora andasse in porto l’aggregazione di Ubi Banca, dopo il lancio – dal 6 al 28 luglio – dell’Offerta pubblica di scambio. Non solo, ma da Intesa ci aspettiamo anche altri chiarimenti, pur sapendo che siamo ancora ad un momento molto generale dell’Ops.

Grazie anche a ottimi accordi sindacali, Ubi Banca - dopo aver acquisito il Gruppo BancaEtruria a fine 2017 – mantenne pressoché immutata la presenza di filiali nella nostra provincia (oggi 36 filiali), come anche l’occupazione (circa 650 dipendenti); non riuscimmo ad ottenere la sede della Macroarea, che andò a Roma, però mantenemmo una direzione territoriale e  alcuni uffici della stessa Macroarea; ottenemmo una importante sede di Ubiss – Sistemi e Servizi e sedi distaccate, della direzione generale di Ubi, in via Calamandrei e in Corso Italia. Insomma, mantenemmo quasi inalterata nella nostra provincia l’occupazione che c’era ai tempi Etruria.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Ora, ci piacerebbe sapere da Banca Intesa e anche da Bper, cosa intenderebbero fare in caso di successo dell’Ops, in merito: all’occupazione, alla sorte delle filiali ex Etruria, quante e quali passerebbero all’una o all’altra banca e con quali criteri; progetti su eventuali direzioni territoriali in città o centri autonomi, progetti su Ubiss, su Iwbank e su tutti gli uffici Ubi presenti in Arezzo. Insomma, non sarebbe male cominciare a far capire alla Fabi di Arezzo, ai sindacati tutti, alle istituzioni, alla politica, alle categorie economiche e ai clienti, che valore potrebbe avere la provincia di Arezzo nel progetto Intesa/Bper. Siamo pronti ad affrontare ogni situazione industriale, ma pretendiamo chiarezza da tutti gli interlocutori bancari".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Ciclista va in arresto cardiaco e cade rovinosamente. Rianimato: è grave

  • Coronavirus, sei nuovi casi nell'Aretino. Contagiati 19enni di ritorno da una vacanza all'estero

  • "Mio fratello era buono e solare. Lo porterò con me in un tatuaggio"

  • I 15 borghi fantasma della Toscana che dovreste visitare

  • Codice giallo per pioggia e temporali: l'elenco dei comuni aretini interessati

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento