Tassa di Soggiorno. Fabbrini: "Sì ma solo se i proventi verranno investiti sul turismo"

“Tassa di soggiorno sì, ma ad una sola condizione: che i proventi vengano completamente reinvestiti nel turismo. E siamo felici che il Comune di Arezzo condivida la nostra posizione. Prova ne è l’inserimento nella bozza del regolamento di...

AREZZO COMUNE ALBERGATORI

“Tassa di soggiorno sì, ma ad una sola condizione: che i proventi vengano completamente reinvestiti nel turismo. E siamo felici che il Comune di Arezzo condivida la nostra posizione. Prova ne è l’inserimento nella bozza del regolamento di istituzione della tassa di una clausola che ne blinda lo scopo”. A dirlo è il presidente degli albergatori aretini della Confcommercio Gianni Fabbrini, dopo l’incontro convocato dall’assessore alle attività produttive Marcello Comanducci.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

“L’assessore ci ha spiegato chiaramente che c’è bisogno di trovare altre risorse per migliorare l’accoglienza e sviluppare il potenziale turistico della nostra città”, prosegue Fabbrini, “la tassa di soggiorno al momento pare l’unica soluzione percorribile. L’unica condizione che abbiamo chiesto, e ottenuto, è che quanto arriverà nelle case comunali grazie alla tassa sia utilizzato solo e soltanto per scopi turistici e non per compensare le carenze di bilancio in altre voci. In troppe città i proventi della tassa sono stati utilizzati per rifare strade o finanziare scuole e asili. Certo, tutte cause onorevolissime, ma non può essere una sola categoria economica a farsi carico di spese che interessano l’intera collettività. Confidiamo ora che il Consiglio Comunale approvi il testo del Regolamento così come deliberato dalla Giunta”.

Gli albergatori chiedono inoltre che gli investimenti sul turismo siano condivisi e pianificati sulla base di un progetto pluriennale e coordinato, “e non come è stato fatto finora”, sottolinea Fabbrini, “per anni abbiamo assistito a progetti scoordinati tra di loro, confusi e quindi di nessuna rilevanza economica per l’occupazione e per le nostre imprese”. Secondo gli operatori di Confcommercio, la tassa di soggiorno è un sacrificio in più che si chiede a chi viene a visitare la nostra terra e che deve quindi essere ripagato. “Come? Con una città più bella, più organizzata, più dinamica”, dice Fabbrini, “il turismo è materia complessa e trasversale, dove molti elementi concorrono a comporre il prodotto finale. Non basta avere risorse artistiche o ambientali da far ammirare, ma occorre anche offrire sicurezza, pulizia delle strade, efficienza dei trasporti pubblici, della rete internet e di altri servizi. E, soprattutto, avere un’idea strategica di dove vogliamo andare: il turismo ha bisogno di un piano industriale esattamente come gli altri settori economici. Ecco il senso di organismi di governance come il Convention and Visitors Bureau di New York City o il Turisme de Barcelona, dove i soldi dei turisti sono utilizzati per pagare professionisti, che mettendo in rete tutti i soggetti pubblici e privati creano infrastrutture e prodotti adeguati al mercato turistico, secondo obiettivi misurabili di marketing”. “Ecco”, conclude il presidente degli albergatori, “se la tassa di soggiorno fosse usata per dare un futuro solido al turismo, per intraprendere azioni mirate ad accrescere la competitività della destinazione, potrebbe avere un senso. Se dovesse invece rimanere un’azione depredatoria nei confronti dei turisti, non servirà ad altro che a penalizzarci tutti”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Referendum, regionali e amministrative: ecco come si vota

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • Regionali 2020: tutti i nomi dei candidati al consiglio toscano. 102 aretini in corsa

  • Schianto frontale e strada chiusa: 4 feriti, di cui tre ragazzi. Grave una 42enne

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento