menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

"Ristoranti aperti fino alle 22 in Toscana", la richiesta delle associazioni di categoria

Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Cna e Confindustria, con l’adesione di Coldiretti, lanciano al governatore Giani e all’assessore Marras l’idea di autorizzare la somministrazione fino alle 22 a ristoranti, pizzerie, pub e paninoteche e fino alle 20 a bar, pasticcerie e pizzerie a taglio

Le associazioni regionali Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Cna e Confindustria, con l’adesione di Coldiretti, lanciano al governatore Giani e all’assessore Marras l’idea di autorizzare in Toscana la somministrazione fino alle ore 22 a ristoranti, pizzerie, pub e paninoteche e fino alle 20 a bar, pasticcerie e pizzerie a taglio, come consentirebbe di fare un comma del Dpcm 24 ottobre 2020 e come già disposto da alcuni altri enti territoriali. "Forte e unitario l’appello delle Associazioni a scongiurare il rischio di nuove restrizioni ad altre attività produttive ed economiche", spiega una nota congiunta.

Le 5 associazioni chiedono infatti "di fare tutto il possibile per salvaguardare le imprese dal rischio di ulteriori restrizioni. Difendere l’operatività e la funzionalità delle imprese del manifatturiero, del turismo, dei servizi e della somministrazione e commercio è fondamentale per la tenuta dell’economia e dell’occupazione nella nostra Regione".

E ancora: "Facendo squadra chiediamo, in particolare, di cogliere un’opportunità che il nuovo Dpcm sembra prospettare e avanzano la proposta ad autorizzare la somministrazione fino alle ore 22 nel caso di ristoranti, pizzerie, pub e fino alle ore 20 nel caso di bar, pasticcerie e pizzerie a taglio, come consentirebbe di fare il Dpcm 24 ottobre 2020, alla lettera ee) del comma 9 dell’articolo 1".

È questa la proposta “salva- ristorazione” che le associazioni di categoria regionali Confcommercio, Confesercenti, Confartigianato, Cna e Confindustria, con l’adesione di Coldiretti, hanno sottoposto al governatore della Toscana Eugenio Giani e all’assessore Leonardo Marras.

Secondo il testo di legge, infatti, le attività di ristorazione possono continuare a somministrare secondo gli orari abituali effettuati in precedenza dell’ultimo Dpcm, se autorizzati dalla Regione e, ovviamente, nel pieno rispetto dei requisiti di sicurezza antiCovid. Un’autorizzazione che la Provincia autonoma di Trento ha già concesso, così come alcuni Comuni, che hanno emanato ordinanze in questa direzione.

“Prima i locali lavoravano fino alle ore 24 e avremmo auspicato che potessero continuare a farlo almeno fino alle 23, ma siamo disposti ad una autoregolamentazione che limiti ancora di più l’orario: alle 22 per ristoranti e pizzerie, alle 20 per bar, pasticcerie e simili. Tutto pur di salvaguardare imprese ed occupati non solo dei pubblici esercizi, ma di tutta la filiera, che va dalla produzione agroalimentare alla ristorazione”, scrivono nella nota congiunta le associazioni di categoria.

“Consapevoli della necessità di agire con urgenza, abbiamo quindi chiesto alla Regione che si pronunci a favore di questo provvedimento, che serve a garantire la tenuta occupazionale del settore, superando un’incongruenza che pare ogni giorno più evidente: imporre la chiusura alle ore 18 ai ristoranti equivale ad invitarli a chiudere. Se la chiusura fosse spostata almeno alle 22, invece, sarebbero perfettamente in condizione di garantire ai propri clienti il servizio, prendendo le prenotazioni per le 20. E salverebbero una parte importante del loro fatturato”.

“Confidiamo che questa proposta sia presa seriamente in considerazione”, conclude la nota, “Il suo accoglimento sarebbe un gesto importante nei confronti di categorie economiche in difficoltà e verrebbe ad allentare situazioni di alta tensione che si stanno vivendo in tutta la regione. Poter contare su un rapporto di proficua e costruttiva collaborazione con la nuova Giunta regionale, continuando il percorso di confronto costruttivo avviato durante il lockdown di primavera, è un segnale di attenzione importante per le imprese e le loro primarie associazioni di riferimento".

Argomenti
Condividi
In Evidenza
social

La leggenda di Matelda, la "vedova nera" dei Conti Guidi

social

L'opera in cui c'è la città di Arezzo dietro al Cristo crocifisso. E la storia della chiesa che la ospita

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento