Martedì, 27 Luglio 2021
Economia

OroArezzo strizza l'occhio alla Russia, tra gli stand la delegazione guidata dal nipote di Putin

E' arrivato nel primo pomeriggio di ieri e con lui c'era una delegazione proveniente dalla Russia e dalle repubbliche ex Urss. Strizza l'occhio ai paesi dell'est la 39esima edizione di OroArezzo che ieri ha visto tra gli ospito d'onore Roman Putin...

oroarezzo2-2

E' arrivato nel primo pomeriggio di ieri e con lui c'era una delegazione proveniente dalla Russia e dalle repubbliche ex Urss. Strizza l'occhio ai paesi dell'est la 39esima edizione di OroArezzo che ieri ha visto tra gli ospito d'onore Roman Putin, imprenditore e nipote di Vladimir Putin. A capo di una delegazione dell'Unione Economica euroasiatica composta anche da Bielorussia, Kazakistan e Armenia, insieme al presidente della Confindustria russa, Roman Putin resterà ad Arezzo anche quest'oggi, per ammirare, oltre alle preziose opere degli orafi aretini, anche le bellezze della città.

"La Russia è un mercato aperto, ancora da esplorare - ha detto Andrea Boldi durante l'inaugurazione - spero che questo sia un passo importane verso un'ampia collaborazione in termini di investimenti, scambi commerciali, trasferimento del know how italiano e reperimento della materia prima di cui i paesi dell'est sono ricchi".

Non è un caso che l'andamento dei consumi a livello mondiale nel 2017 veda, dopo l'India (che registra un +32%), risultati esaltanti per la Russia (+14%), seguita da UAE (+10%) e USA (+3%).

La 39esima edizione della fiera si svolge in un momento in cui il settore cerca conferme della ripresa intravista negli ultimi mesi. Il distretto aretino, infatti risulta il secondo polo italiano per esportazioni di gioielleria e bigiotteria. "Arezzo - spiega Ieg in una nota - ha chiuso il 2017 con 1,9 miliardi di euro di esportazioni, il 5,5% in più rispetto al 2016, creando un clima di fiducia anche per i risultati attesi nel 2018. La crescita è stata determinata dall'ottimo andamento dei fatturati riferiti all'area di Hong Kong (+21,6% a/a, secondo mercato di sbocco, dietro agli Emirati Arabi Uniti, con un peso del 14,1% sul totale del fatturato estero) e sul mercato in forte sviluppo della Turchia (+22,8%), che compensano la contrazione, pur se in fase di recupero, dei paesi del Golfo".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

OroArezzo strizza l'occhio alla Russia, tra gli stand la delegazione guidata dal nipote di Putin

ArezzoNotizie è in caricamento