Oro Arezzo torna nel 2021. Il distretto nel catalogo mondiale e Beppe Angiolini lancia Premiere digital edition

Nel rinviare l’edizione tradizionale di Oroarezzo al 2021 gli organizzatori intendono offrire comunque opportunità e visibilità all’eccellenza manifatturiera del Made in Italy e sostenere le aziende orafe nella fase post lockdown

Beppe Angioni, art director di Oroarezzo

Perdurano sui mercati internazionali le criticità causate dall’emergenza sanitaria, le forti restrizioni imposte da alcuni paesi esteri di riferimento e, soprattutto l’incertezza della regolarità dei collegamenti aerei già dal prossimo mese di luglio. Condizioni che non garantiscono ai buyers esteri di poter raggiungere l’Italia e la Toscana e assicurare le migliori condizioni di svolgimento di Oroarezzo 2020. Italian Exhibition Group, Ieg, di concerto con i protagonisti produttivi e associativi del settore, ha così deciso di prevedere la manifestazione solo nel 2021, non sussistendo ancora le condizioni per offrire ai clienti il complessivo ed elevato standard di buyers internazionali da sempre garantito a un mercato di grande valore per il Paese. 

Ma nel rinviare l’edizione tradizionale di Oroarezzo al 2021 gli organizzatori - che sin dall’inizio dell’emergenza ha mantenuto un confronto diretto con le aziende, le associazioni e il territorio aretino - intendono allo stesso tempo offrire comunque opportunità e visibilità all’eccellenza manifatturiera del Made in Italy e sostenere le aziende orafe nella fase post lockdown. 

Nasce su questi presupposti “Oroarezzo On Stage” che permetterà agli espositori di potenziare la propria presenza online grazie all’organizzazione di una vetrina virtuale in grado di mostrare ai mercati mondiali le creazioni delle aziende clienti, aziende che saranno assistite nella realizzazione di servizi fotografici professionali per un catalogo potenziato con foto, video e novità di prodotto.

Anche il valore per i distretti italiani e il territorio aretino resterà centrale, grazie al concorso Premiere che sotto l’egida di Beppe Angiolini, presidente onorario Camera dei Buyers della Moda e art director di Oroarezzo, presenterà un’edizione digitale dai grandi contenuti. L’iniziativa che tradizionalmente ad Arezzo celebra la creatività e le abilità manifatturiere dell’oreficeria italiana nel 2020 diventa Premiere Digital Edition e sarà dedicata al gioiello simbolo della ripartenza, sfruttando le potenzialità della comunicazione on line, di quella social e il riverbero sull’intera città attraverso installazioni video che puntelleranno il percorso delle vie aretine. Il 9 giugno Angiolini lancerà il titolo del concorso 2020 durante una diretta Instagram.

 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sierologici, tamponi rapidi e molecolari: la lezione di Burioni utile per il caso di Arezzo

  • Quando si esce dalla zona rossa? Le Toscana spera a dicembre. Ma Arezzo ha un indice Rt che spaventa

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Nuovo Dpcm del 4 dicembre: le ipotesi per Natale su mobilità tra regioni, shopping e coprifuoco

  • "In tre giorni la situazione è precipitata", il messaggio del veterinario Brandi che lotta contro il Covid

  • Pier Luigi Rossi e la moglie guariti dal Covid: "Alimentazione fondamentale per superare la malattia"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento