Economia

Nencini agli artigiani di Cna: "Ecco le novità del codice degli appalti"

Una platea molto nutrita ha assistito questa sera all'incontro con il vice ministro ai trasporti ed alle infrastrutture Riccardo Nencini. Accanto a lui il presidente della Camera di Commercio Andrea Sereni, il Sindaco Alessandro Ghinelli, il vice...

nencini_incontro_cna

Una platea molto nutrita ha assistito questa sera all'incontro con il vice ministro ai trasporti ed alle infrastrutture Riccardo Nencini. Accanto a lui il presidente della Camera di Commercio Andrea Sereni, il Sindaco Alessandro Ghinelli, il vice presidente di Cna toscana Mauro Patrussi e la presidente della Cna aretina Franca Binazzi. Tema dell'incontro il nuovo codice degli appalti che recepisce le normative europee e va nella direzione della semplificazione burocratica ed allo stesso tempo nell'ampliamento delle garanzie e della trasparenza.

"La riforma del Codice degli appalti - ha dichiarato Binazzi - è un tema centrale non solo per il sistema pubblico ma anche per quello economico. Parliamo, infatti, di un mercato da 101,4 miliardi di euro (dati Anac), un settore che vale il 15% del Pil. Per anni discriminazioni e storture hanno danneggiano le piccole imprese; oggi, con una riforma basata su trasparenza, efficacia e legalità, ci auguriamo di poter considerare chiusa l'epoca in cui l'opera pubblica è affare di pochi. La futura regolamentazione dovrà segnare un'inversione di tendenza rispetto alla disciplina attuale, che ha dimostrato di non riuscire a garantire la certezza del diritto né per le stazioni appaltanti né per le imprese."

La condivisione della strategia generale da parte di CNA

Il nuovo Codice degli appalti farà finalmente scattare il semaforo verde anche per le piccole imprese. Lo ha confermato ieri sera il vice Ministro alle infrastrutture, Riccardo Nencini, intervenendo ad un convegno promosso da CNA Arezzo.

"La normativa sarà all'esame del Consiglio dei Ministri il 15 febbraio e sarà una delle cinque più importanti riforme per il Paese del Governo Renzi. Il nostro obiettivo - ha sottolineato Nencini - è valorizzare il sistema delle Pmi che rappresenta la peculiarità dell'economia italiana. Addio al massimo ribasso, centralità della progettazione, sostegno a chi utilizza prodotti del territorio, pagamento diretto dei subappaltatori, divisioni dell'appalto in lotti e quote prefissate, clausole sociali per l'occupazione nel territorio". Il vice Ministro ha anche rivolto un appello alle Pmi: aggregatevi. E questo perché in Italia, rispetto all'Europa, le piccole imprese sono spesso micro imprese, un gradino al di sopra di quelle familiari. La competizione passa anche dall'aggregazione.

nencini_incontro_cna1Il vice Ministro Nencini ha annunciato le altre principali novità dell'ormai nuovo imminente Codice degli appalti. "Fondamentale sarà avere la garanzia del completamento delle opere: oggi non siamo nemmeno in grado di dire quante e quali sono quelle incompiute. Per raggiungere questo obiettivo, gli strumenti sono la semplificazione delle procedure e la certezza dei finanziamenti. Oggi siamo di fronte a carenze progettuali che determinano il ricorso alle varianti. E questo accade in oltre l'80% dei casi. Spesso le imprese che si sono aggiudicate una gara, recuperano il ribasso della loro offerta proprio con la variante. A bloccare i lavori contribuiscono poi ricorsi alla giustizia e conseguenti interventi della Magistratura".

Nencini ha anche promesso una drastica riduzione delle stazioni appaltanti, cioè degli enti che promuovono le gare: "nessuno sa quante siano. Si parla da 23mila a 36mila. Ma probabilmente sono più di 50.000. Si va dagli organi centrali dello Stato alle singole e piccole scuole. Il nostro obiettivo è ridurre il numero totale a 1.800".

Per le imprese partecipanti verrà introdotto il rating di merito valorizzando sia le professionalità che le capacità d'innovazione delle imprese.

nencini_incontro_cna2

Dalla forma alla sostanza e cioè dal Codice agli investimenti per i lavori. "Gli appalti rappresentano il 15% del Pil ma la parte pubblica è appena l'1,5%. Negli ultimi anni abbiamo avuto un crollo degli investimenti pubblici, circa il 40%, che ha determinato in modo particolare seri problemi ai lavori di manutenzione".

Le prospettive indicate dal vice Ministro Nencini sono state giudicate convincenti: "la valutazione è positiva - ha commentato Andrea Sereni, Presidente della Camera di Commercio. Dobbiamo recuperare il differenziale negativo con l'Europa: la media continentale di aumento degli investimenti infrastrutturali è stata, in questi anni, dell'80%. In Italia solo del 10%".

Il Sindaco di Arezzo, Alessandro Ghinelli, ha sottolineato la positività di "aver messo la progettualità al centro di qualsiasi opera pubblica. Un progetto ben fatto è l'unica garanzia di arrivare in tempi certi alla conclusione". Indispensabile, secondo il Sindaco Ghinelli, è anche la riforma della legge Bassanini.

Mauro Patrussi, vice Presidente regionale di CNA, ha ricordato che "l'associazione si attende, dal nuovo Codice, lo scioglimento dei nodi che si sono creati negli ultimi 25 anni. E auspichiamo che abbia fine l'esclusione delle piccole imprese dalla generalità degli appalti, soprattutto pubblici, per sostenere la ripresa del settore e irrobustire la crescita".

"Condividiamo le priorità indicate dal vice Ministro Nencini - ha detto la Presidente provinciale di CNA, Franca Binazzi. Quindi semplificazione, riduzione degli oneri, uso strategico degli appalti e, soprattutto, facilitazione all'accesso per le Pmi. Questi sono strumenti per far crescere l'economia, garantire la legalità contro le infiltrazioni delle mafie, sostenere le imprese locali e i territori nei quali esse operano. Questo codice fornisce una ricetta efficace. Ci aspettiamo tempi rapidi per la sua attuazione in norme semplici".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nencini agli artigiani di Cna: "Ecco le novità del codice degli appalti"

ArezzoNotizie è in caricamento