rotate-mobile
Economia

Banche, ecco i rimborsi: automatici fino a 50mila euro, poi arbitrato. Giorgianni: "Risarcito l'8% di noi, vergogna". Corteo ad Arezzo

"Verrà rimborsato l'8 per cento dei risparmiatori coinvolti". Nel giorno della grande manifestazione di protesta ad Arezzo (il corteo è passato dal duomo, dalla sede storica della banca e dalla prefettura) Letizia Giorgianni, portavoce del gruppo...

"Verrà rimborsato l'8 per cento dei risparmiatori coinvolti". Nel giorno della grande manifestazione di protesta ad Arezzo (il corteo è passato dal duomo, dalla sede storica della banca e dalla prefettura) Letizia Giorgianni, portavoce del gruppo Vittime del Salva-banche, commenta così le misure di ristoro per i beffati dal decreto del 22 novembre scorso che saranno ufficialmente presentate lunedì. Fuori in automatico azionisti e mercato secondario, all'arbitrato la maggioranza degli obbligazionisti del primario e quelli del secondario correntisti della banca, rimborso diretto esclusivamente ad appannaggio degli obbligazionisti del primario con piccoli importi e casi di acclamata difficoltà.

letizia-giorgianni-banca-etruria-vittime-salvabanche

Ieri sera il vice ministro dell'Economia Enrico Zanetti ha ventilato qualche dettaglio delle misure

in un'intervista sul Corriere della Sera. Ha detto Zanetti: "In ogni caso l'operazione riguarda le persone fisiche che hanno acquistato i titoli direttamente dalle banche. Parliamo di 320 milioni di euro". E sui rimborsi automatici ha chiarito: "Le singole posizioni verranno vagliate dai collegi caso per caso, salvo per i risparmiatori più piccoli per reddito e capitale investito, per i quali ci sarà un sostanziale automatismo. Stiamo definendo le soglie".

Le ipotesi dei criteri

E sul gruppo Salva-banche si fanno anche delle stime su chi riceverà il rimborso e quanto della quota perduta verrà ristorata. Fuori azionisti, investitori istituzionali e qualificati, fuori gli obbligazionisti che hanno acquistato i titoli da un intermediario (sono 109 milioni di euro in tutto), per i quali Zanetti suggerisce di battere la strada individuata da Nicastro, quella dei compratori delle new bank: ("L'amministratore delle quattro nuove banche ha suggerito che siano i loro acquirenti a farsene carico. È un ragionamento interessante. È giusto e può servire a minimizzare il contenzioso); saranno rimborsati gli obbligazionisti che hanno acquistato direttamente dalle banche (320 milioni di euro totali); rimborso automatico per i piccoli risparmiatori: orientativamente fino ai 50mila euro; arbitrato snello con limite fino a 100mila euro per gli altri. Si ipotizza, infine, un ristoro del 50-60% per chi ha acquistato sul primario e del 20-30% per chi ha acquistato sul secondario.

Il comunicato del Gruppo Vittime Salva-Banche

Qualcuno si dovrebbe vergognare di tutto questo. Lunedì prossimo verranno regalati ulteriori 800 milioni alle nuove quattro banche, mentre rimborseranno solo l'otto per cento dei risparmiatori coinvolti e solo per piccoli importi. Tutti gli altri (9.500) dovranno subire un lungo burocratico percorso di arbitrato, senza nessuna certezza. Addirittura 2.000 persone sono escluse pure dal potere accedere a questo processo (i clienti di altre banche). Certamente nulla anche agli azionisti, 100.000 persone. Al di là dei toni trionfanti e propagandistici con cui ci stanno già presentando questa misura la verità è un'altra: siamo e rimaniamo gli unici azzerati nel risparmio bancario nella storia della Repubblica Italiana. Il tutto nello stesso giorno in cui si fa nascere il fondo Atlante ove confluiranno i crediti deteriorati delle banche al valore del 40%, quando gli stessi crediti delle nostre banche sono stati valutati al 17% distruggendo così i nostri risparmi solo ed esclusivamente perché hanno usato due pesi e due misure.

@MattiaCialini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banche, ecco i rimborsi: automatici fino a 50mila euro, poi arbitrato. Giorgianni: "Risarcito l'8% di noi, vergogna". Corteo ad Arezzo

ArezzoNotizie è in caricamento