Ucciso con una coltellata 36enne di Castiglion Fiorentino. Arrestato il circense Alex Orfei

Ucciso per ruggini lavorative e, probabilmente, per un piccolo debito non saldato. E' morto così Werner De Bianchi, 36enne artista del circo Donato Orfei residente nella frazione di Manciano di Castiglion Fiorentino, ammazzato con una...

alex-orfei

Ucciso per ruggini lavorative e, probabilmente, per un piccolo debito non saldato. E' morto così Werner De Bianchi, 36enne artista del circo Donato Orfei residente nella frazione di Manciano di Castiglion Fiorentino, ammazzato con una coltellata nella serata di venerdì a Tropea, in Calabria. Secondo gli inquirenti l'omicida sarebbe il circense Alex Orfei, 31 anni, che non fa parte della famiglia di Moira e Nando Orfei.

De Bianchi viveva in Valdichiana assieme alla moglie e ai due figli. Tutta la carovana del circo Donato Orfei, quando non era in tournée, stazionava in zona. L'uomo ha trovato la morte davanti a un supermercato a Santa Maria di Ricadi, nei pressi di Tropea, in provincia di Vibo Valentia.

Un regolamento di conti, probabilmente, ala radice dell'aggressione. Alex Orfei ce l'aveva con De Bianchi, da giorni l'aveva preso di mira con post denigratori e offensivi su facebook: derideva il circo Donato Orfei (l'astio era dovuto all'utilizzo del nome "Orfei"), ma non erano mancati attacchi personali. L'ultimo post, venerdì sera, era stato esplicito: "E uno saccagnato. E ora tocca all'altro", probabilmente in riferimento al fratello di De Bianchi. Un post pubblicato poco dopo l'aggressione di Tropea, dove vittima e presunto assassino si trovavano al momento con i rispettivi circhi.

Poco prima, infatti, si era consumato il violento episodio nel piazzale di un supermercato. Secondo la ricostruzione della squadra mobile, Alex Orfei avrebbe chiesto indietro a De Bianchi il denaro dovuto (qualche migliaio di euro), ma questi non l'aveva. Orfei, accompagnato da altre quattro persone armate i bastoni e coltelli, avrebbe iniziato a picchiare il debitore, fino al colpo finale. C'erano forse dei testimoni dell'accaduto, ma nessuno avrebbe parlato. E' stata la vittima, con le ultime sue parole, ad indicare l'identità dell'aggressore alle forze dell'ordine accorse sul posto. Alex Orfei è stato arrestato dalla polizia di Vibo Valentia. De Bianchi è morto poco più tardi, in ospedale mentre veniva operato. La lama fatale si era spezzata nel corpo della vittima per la violenza del colpo inferto.

Foto: Alex Orfei, arrestato

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

@MattiaCialini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento