Siringa in vena in via Filzi davanti alla gente. Residenti esasperati: "Circondati da spacciatori e clienti"

E' accaduto in pieno giorno

Via Fabio Filzi. Pieno giorno. Un uomo, adulto, si scopre il braccio, si appoggia al muretto, abbandona la stampella e si buca. Scene di ordinario disagio sociale che avvengono sotto gli occhi dei residenti, delle famiglie, davanti ai portoni di casa.

"Viviamo circondati da spacciatori e clienti, di ogni età, anche giovanissimi" ci racconta una residente, molto colpita da questi fatti nonostante per la sua famiglia siano diventati una routine.

"Loro non si curano affatto di chi gli sta intorno, se sono visti, spacciano davanti ai tuoi occhi senza farsi problemi, probabilmente perché sanno che non rischiano nulla. Le forze dell'ordine passano, controllano, ma non cambia niente."

C'è scoramento, una quasi rassegnazione, anche se i racconti di questo tipo servono per non abbassare la soglia di attenzione, per ricordare ogni giorno a chi di dovere quale sia il problema dei nostri tempi, la droga.

"Troviamo siringhe ovunque e gente che si buca anche nel piazzale sotto casa, spesso ci tocca fare finta di non vedere per paura, ma io a volte non ce la faccio a fare finta di non vedere, sono stanca e non mi rassegno a vivere in un quartiere dove il degrado è la normalità, in questi ultimi cinque anni qui la situazione è peggiorata visibilmente e quello che fa male è il senso di impotenza e frustrazione che si prova ogni sacrosanta mattina che Dio mette in terra, quando esci dal portone e pensi a cosa vedrai là fuori."

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Il caso nello specifico è avvenuto proprio nella strada in cui, secondo il progetto dell'amministrazione, dovrà venire la sede della polizia locale. Potrà essere una buona soluzione questa? Oppure servirà soltanto a spostare il problema di qualche isolato? "Spero che possa essere un deterrente, ce n'è davvero bisogno, ma sarà difficile che il problema si risolva così."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Arezzo, già 12 casi di Legionella. La Asl: "Ecco come si può contrarre e come prevenirla"

  • Travolta dal marito in retromarcia: è in prognosi riservata

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento