Domenica, 20 Giugno 2021
Cronaca Centro Storico / Viale Mecenate

Rissa in pieno giorno, in 5 si affrontano con cacciaviti e forbici alla mano: arrestati

A scatenare la rissa sarebbero stati dei futili motivi che adesso sono al vaglio degli inquirenti. Sono stati i carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Arezzo, durante un servizio di controllo del territorio, a notare all'interno del parcheggio i cinque che si stavano fronteggiando

Si sono affrontati in cinque, in pieno giorno, alle porte del centro storico. Brandivano forbici, cacciaviti e mattoni. Una rissa violenta si è scatenata ieri, alle 13 circa,  nell'area del parcheggio Eden. Protagonisti della vicenda sono giovani di età compresa tra i 25 e i 31 anni, tutti di nazionalità nigeriana. Alcuni sono risultati residenti in provincia, altri senza fissa dimora. Solo uno non aveva precedenti specifici. 

A scatenare la rissa sarebbero stati dei futili motivi che adesso sono al vaglio degli inquirenti. 

Sono stati i carabinieri della sezione radiomobile della Compagnia di Arezzo, durante un servizio di controllo del territorio, a notare all'interno del parcheggio i cinque che si stavano fronteggiando, con tanto di armi improprie alla mano. Un mattone, forse tovato per strada, ma anche bastoni, forbici e cacciaviti che molto probabilmente i giovani avevano con sé. I militari sono intervenuti proprio nel momento in cui i colpi sferrati iniziavano a farsi pesanti: uno dei contendenti, infatti, aveva anche preso una sedia da un bar poco distante con l'intenzione di scagliarla contro gli avversari. Non è chiaro se i cinque fossero schierati in gruppi o se, come è apparso ai testimoni che in quel momento si sono trovati la scena di fronte agli occhi, si sia trattato di un "tutti contro tutti". Saranno i militari, con le loro minuziose indagini, a chiarire i contorni della vicenda. 

I Carabinieri, con grande professionalità e nonostante l'inferiorità numerica, sono riusciti a sedare gli animi e a riportare la situazione alla normalità. Poi, aiutati da una pattuglia della squadra Molibe della Questura di Arezzo, i cinque sono stati portati presso il Comando di compagnia per l'identificazione. Tre di loro hanno avuto bisogno di cure mediche per aver riportato politraumi facciali. L'intervento dei militari sarebbe stato dunque provvidenziale, evitando che i protagonisti riportassero ferite ben più serie. 

"La gravità del fatto - spiega in una nota l'Arma dei Carabinieri - , la violenza nonché gli apparenti futili motivi e la personalità dei soggetti già gravati da precedenti di polizia, hanno portato all’arresto e alla permanenza nelle camere di sicurezza per il previsto rito direttissimo che si svolgerà nella giornata di oggi presso il tribunale di Arezzo. I reati loro contestati sono la "rissa aggravata" e "porto di armi od oggetti atti ad offendere"".

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Rissa in pieno giorno, in 5 si affrontano con cacciaviti e forbici alla mano: arrestati

ArezzoNotizie è in caricamento