Lunedì, 21 Giugno 2021
Cronaca

Sfonda la porta, minaccia ex moglie e figlia con un coltello e morde un carabiniere: arrestato

L'uomo è un 48enne residente a Monte San Savino. Secondo quanto ricostruito dai militari da tempo rendeva la vita delle due donne un inferno

Ha sfondato la porta di casa e in un lampo le si è scagliato contro. L’ha insultata, minaccia e aggredita verbalmente. E’ un 48enne di Monte San Savino ad essere finito in manette con l’accusa di violenza e resistenza a pubblico ufficiale, porto abusivo d’arma, atti persecutori e violazione di domicilio. Ad acciuffarlo sono stati i carabinieri di Cortona.

Ma veniamo ai fatti. Secondo quanto ricostruito dai militari, ieri pomeriggio il 48enne si è presentato alla porta di casa della ex moglie. Dopo averla sfondata è entrato nell’appartamento e, brandendo un coltello da cucina, ha iniziato ad inveire contro la ex e la figlia 20enne. Insulti, minacce, offese. Spaventata la donna è riuscita a comporre il 112 e richiedere aiuto. A questo punto però l’aggressore decide di recarsi in camera da letto e recuperare un coltello con una lama di 24 centimetri dal cassetto di un mobile dove aveva lasciato alcuni oggetti e uscire dall’abitazione.

Poco dopo i militari sono arrivati sul posto e raccolto la testimonianza della vittima la quale per la prima volta “ha descritto una situazione davvero difficile da gestire, poiché l’ex marito è solito avere atteggiamenti violenti e minacciosi. Oltre a tempestarla di chiamate e fare appostamenti sotto la sua abitazione, ha precisato la donna, capita spesso che si arrivi a scontri verbali con violenti litigi”. E’ stata la paura di peggiorare le cose a spingerla in tutti questi anni ad ignorare le suppliche della figlia ed evitare di sporgere denuncia. Ma ecco che l’uomo torna nuovamente all’appartamento. “Arrivato - spiegano i militari - con fare sprezzante e minaccioso ricomincia ad inveire verso la ex coniuge. Due carabinieri hanno cercato di farlo calmare e lo hanno invitato ad uscire di casa ma lui, incurante, rabbioso ed aggressivo, ha tentato di scagliarsi contro la ex”.

A impedirglielo sono stati i carabinieri i quali lo hanno immobilizzato seppure lui abbia morso uno dei due militari ad una mano. All’interno della sua auto è stato inoltre trovato il coltello che aveva recuperato dall’abitazione. Tanto è stato sufficiente per finire in manette e, dopo una notte passata all’interno della camera di sicurezza della caserma di Cortona, l’uomo questa mattina è stato giudicato per direttissima davanti al tribunale di Arezzo. Il giudice ha confermato l’arresto e lo ha sottoposto all’obbligo di firma.

Il militare aggredito è stato visitato presso l’ospedale “la Fratta” ed ha riportato una lesione giudicata guaribile in sette giorni. “Ma nonostante ciò - concludono i carabinieri - questa mattina si è presentato in caserma, continuando a svolgere il suo servizio, decidendo di non assentarsi, ma continuando ad essere vicino ai cittadini che ne hanno bisogno”.

Si parla di
Sullo stesso argomento

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Sfonda la porta, minaccia ex moglie e figlia con un coltello e morde un carabiniere: arrestato

ArezzoNotizie è in caricamento