menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay
Dino Montagni

Dino Montagni

Covid, addio Dino storico ospite della Casa Pia. Entrò in struttura a 13 anni, fu arbitro e istitutore

Con Montagni se n'è andato un pezzo di storia della struttura che è stata - così come lui la definiva - la sua "prima e unica casa". Il prossimo luglio avrebbe festeggiato i 70 anni di vita all'interno della struttura (aveva 83 anni)

Era il 9 luglio del 1951 quando Dino Montagni varcò la soglia della Casa di Riposo Fossombroni. All'epoca aveva 13 anni e la Casa Pia divenne la sua casa. Oggi gli ospiti della struttura e tanti, tantissimi aretini che lo hanno conosciuto, si stringono nel dolore. Dino è morto, portato via dal Covid.

La notizia del decesso è rimbalzata fin dal primo pomeriggio in città. Montagni era uno dei numerosi ospiti della casa di riposo risultati positivi al virus nelle ultime settimane. Il prossimo luglio avrebbe festeggiato i 70 anni di vita all'interno della struttura (aveva 83 anni). Era amato dagli aretini e molti lo ricordano, fischietto alla mano, mentre arbitrava le partite di calcio giovanile.  Aveva una grande passione una passione per quello sport che lo aveva infatti portato a dirigere vari tornei e campionati di prima divisione. Il suo modo impeccabile e deciso di dirigere le gare nei campionati giovanili di tutta la provincia è rimasto negli annali, tanto che si guadagnò la targhetta di miglior arbitro da cui gli venne l’appellativo di "Lo Bello d’Arezzo". Nel cassetto del suo comò conservava ancora la tuta nera da arbitro e i cartellini giallo e rosso.

WhatsApp Image 2021-02-21 at 18.36.32-2

Durante la sua vita nell’Istituto, Dino svolse il ruolo di istitutore dei bambini orfani, attività di portierato, di messo con banche, poste e comune e distribuiva la posta all’interno della Casa, il tutto per un piccolo compenso.

Con Montagni se n'è andato un pezzo di storia della struttura che è stata - così come lui la definiva - la sua "prima e unica casa". E putroppo anche altri ospiti questa settimana hanno perso la vita, sconfitti dal Covid. Si tratta di un altro uomo e una donna, che negli ultimi giorni erano stati ricoverati all’ospedale San Donato tra i reparti di malattie infettive e di terapia intensiva.  In totale, in questa ultima ondata la pandemia si è portata via 7 ospiti della struttura.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Psicodialogando

    Come si trasforma il nostro corpo quando ci innamoriamo

  • Eventi

    Benedetta Torrini vince Sanremo Newtalent

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento