Coronavirus, in isolamento il 3 per cento degli aretini. Ghinelli: "40 operatori del Comune in campo per aiutarli"

Migliaia di persone chiuse in casa a causa del virus: tra loro anziani, bambini e interi nuclei familiari. Un'emergenza mai vista alla quale il Comune sta cercando di dare una risposta

Il tre per cento della popolazione della città si trova in isolamento domiciliare. E' un dato impressionante quello sottolineato dal sindaco di Arezzo Alessandro Ghinelli in un post pubblicato sul proprio profilo Facebook nel quale commenta i dati sull'andamento dell'epidemia di Coronavirus.

"Abbiamo in città un numero di persone in isolamento domiciliare che, tra i positivi sintomatici e non e i contatti di caso, sfiora il 3% del totale degli abitanti - si legge -. Garantire loro l’assistenza necessaria, e non solo sanitaria, comporta davvero un lavoro enorme, per svolgere il quale agli operatori già attivi della Regione Toscana, si affiancheranno presto i 40 dipendenti del Comune di Arezzo che si sono resi disponibili a svolgere attività di supporto".

E' probabilmente la prima volta dal dopoguerra ad oggi che così tanti aretini si trovano chiusi nelle proprie abitazioni e hanno bisogno di assistenza. Migliaia di persone, tra cui bambini, giovani, interi nuclei familiari, necessitano di comunicare con le istituzioni (tantissimi i casi in cui i cittadini denunciano di sentirsi abbandonati), ma anche di far fronte ai bisogni primari, come la spesa e la gestione dei rifiuti (che in caso di isolamento vanno raccolti e smaltiti in modo diverso dal solito). 

Per far fronte a questi bisogni sono 40 gli operatori del Comune che hanno dato la propria disponibilità ad affiancare l'unità regionale che si occupa del tracciamento. A breve - il tempo completare le pratiche burocratiche - entreranno in azione.

"Daranno un supporto specifico e diretto alle persone dentro il tunnel del Covid - spiega la vice sindaco Lucia Tanti -, per non farli sentire più abbandonati. Da un lato infatti ci arrivano richieste di vario tipo, alle quali dare risposte immediate: dalla signora che ci ha scritto perché aveva la caldaia in panne ed essendo positiva al virus non poteva chiamare nessuno per aggiustarla, alla persona che attende il secondo tampone per essere "liberato" e nel frattempo ha dovuto saltare due chemioterapie. Dall'altro c'è il tema del tracciamento: una situazione come questa non si era mai verificata, c'è stata una mole di lavoro enorme e mille difficoltà per chi doveva fare il tracciamento. I ritardi in questa fase possono essere causa di nuovi contagi. Pertanto i dipendenti che si sono resi disponibili andranno a dare  man forte anche su questo fronte".

Il protocollo per permettere a questi dipendenti cambiare la loro attività - sul quale il Comune sta lavorando insieme alla Regione Toscana, - sarebbe uno tra i primissimi in Italia. Arezzo sarebbe dunque un esempio di collaborazione tra enti per far fronte all'emergenza sanitaria.

Intanto, nell'Aretino e in Toscana, l'epidemia ha mostrato un lieve rallentamento. Ieri sono stati 199 i nuovi casi in provincia, 76 di questi in città.

"E’ con la prudenza necessaria che dobbiamo leggere i dati odierni (di ieri ndr) - ha commentato Ghinelli -, in linea con il totale registrato ieri e ben lontano da quelli davvero allarmanti dei giorni ancora indietro, ma la situazione è complessa e difficile. Stiamo gestendo numeri molto importanti, critici per la struttura ospedaliera, dove i medici e l’intero personale sanitario stanno facendo il possibile per garantire l’assistenza dovuta sia ai pazienti ricoverati per patologie diverse dal Covid sia ai pazienti Covid e lo stesso stanno facendo i medici di famiglia, anche loro in prima linea in questo momento così delicato".

E poi le consuete raccomandazioni: "Insieme al rispetto delle disposizioni dettate dalle norme, moltissimo possono fare i nostri comportamenti individuali. Indossiamo in maniera corretta le mascherine -è previsto per i prossimi giorni l’arrivo di 500.000 dpi dalla Regione che verranno prontamente distribuiti a tutti gli aretini"


 

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus oggi in Toscana: quasi 1.200 nuovi casi e 47 morti

  • Coronavirus, i casi in Toscana scendono sotto quota mille. Calano i decessi

  • Spostamenti, la nuova ordinanza in Toscana. Cosa si potrà fare

  • Guida Michelin 2021: Arezzo c'è, con una conferma. L'elenco dei ristoranti stellati in Toscana

  • Covid e Natale: attesa per il nuovo Dpcm. Cenoni, aperture e spostamenti al vaglio del governo

  • Travolto assieme al cane mentre attraversa la strada: ferito 31enne

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento