Sabato, 25 Settembre 2021
Cronaca Chiusi della Verna

Bmw, Jeep, Mercedes e Audi fatte a pezzi nella ex Mabo e rivendute. L'inchiesta si allarga ai possibili agganci italiani

Dopo la maxi operazione a Corsalone, l'area sequestrata è stata affidata al commissario Mabo Francario

Auto da decine e decine di migliaia di euro, smembrate per ricavarne pezzi di ricambio di lusso da inviare all'estero, in Romania. E' durata dalla mattina alla mezzanotte di ieri l'operazione di carabinieri forestali e della polizia municipale di Arezzo in uno dei capannoni della ex Mabo a Corsalone, nel comune di Chiusi della Verna.

Auto di marca straniera, tedesche soprattutto, ma anche qualche macchina italiane. Alcune - all'arrivo di forestali e agenti - erano già state fatte a pezzi, altre in fase di "mutilazione". Cinquanta quelle sequestrate: Volkswagen Touareg, berline Mercedes, Jeep Grand Cherokee, Bmw Serie 5, Alfa Romeo 159, Audi A6, Mini Cooper e molte altre.

Tutte vetture provenienti da un qualche tipo di crimine, pignorate e poi sparite, destinate all'estero, magari accompagnate da documenti fasulli. Intanto sono 5 le persone finite nella maxi inchiesta della procura di Arezzo, tutte rumene, ma non si escludono agganci sul territorio, visto che l'attività - secondo gli inquirenti - era fiorente e ben coordinata.

I cinque sono indagati per riciclaggio, ricettazione, falso in atto pubblico, esercizio abusivo della professione meccatronica e gestione illecita di rifiuti speciali pericolosi e non pericolosi.

Adesso, l'area che ospitava l'attività illecita e che è stata sequestrata è stata presa in custodia al commissario della ex Mabo Lucio Francario di Roma. E l'inchiesta prosegue.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Bmw, Jeep, Mercedes e Audi fatte a pezzi nella ex Mabo e rivendute. L'inchiesta si allarga ai possibili agganci italiani

ArezzoNotizie è in caricamento