Venerdì, 24 Settembre 2021
Cronaca

Banconote nel doppio fondo dell'auto e lamine d'oro nel borsone: così i maxi illeciti andati in fumo

Due persone arrestate, due denunciate per riciclaggio, quasi trenta chili di preziosi (tra lamine d'oro e altri gioielli) e più di un milione di euro in contanti sequestrati. La doppia operazione della guardia di Finanza di Arezzo conclusa...

Due persone arrestate, due denunciate per riciclaggio, quasi trenta chili di preziosi (tra lamine d'oro e altri gioielli) e più di un milione di euro in contanti sequestrati. La doppia operazione della guardia di Finanza di Arezzo conclusa nel fine settimana scorso ha permesso di sventare scambi illeciti tra preziosi e denaro. I blitz si sono svolti tra venerdì e sabato. A monte, un lungo lavoro di indagine, fatto di appostamenti e osservazione.

Venerdì blitz a Civitella, nell'abitazione di un orafo. I militari hanno notato un'auto riconducibile a una società specializzata nella lavorazione di preziosi di Valenza, provincia di Alessandria. Lo scambio sarebbe dovuto avvenire dentro al garage della casa, tra l'oro dell'aretino (D.P, 69 anni) contenuto in un borsone e il contante dell'ospite (L.F., 48 anni di Valenza), che era stato celato nel doppio fondo dell'auto. Metallo e soldi (oltre 1 milione il valore complessivo, 15 chili di preziosi e 535mila euro in contanti) sono stati sequestrati, i due protagonisti sono stati denunciati per riciclaggio.

Nel secondo scambio, avvenuto sabato pomeriggio a San Zeno, le due parti trattanti - un aretino e un algerino con passaporto francese arrivato ad Arezzo con una macchina con targa francese - sono stati invece arrestati, perché il reato contestato di riciclaggio aveva l'aggravante transnazionale. Il protagonista aretino è A.R. (51 anni), già coinvolto in Fort Knox. La controparte è l'algerino A.D.D. (59 anni). In questo caso il contante sequestrato ammonta a 520mila euro: i soldi sarebbero serviti a pagare 14 chili di prodotti di gioielleria in oro, in nero, ovviamente.

Le indagini proseguono per capire sia la provenienza dell'oro che del denaro di entrambe le operazioni.

@MattiaCalini

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Banconote nel doppio fondo dell'auto e lamine d'oro nel borsone: così i maxi illeciti andati in fumo

ArezzoNotizie è in caricamento