rotate-mobile
Domenica, 27 Novembre 2022
Attualità

Nutrie, istrici e volpi: è caccia alle tane per proteggere gli argini. L'attività del Consorzio di Bonifica

Nutrie, istrici, ma anche volpi e tassi. Le popolazioni di animali selvatici in costante e continuo aumento mettono a dura prova la “resistenza” dei corsi d’acqua. Contro  le tane, che possono compromettere la solidità e la stabilità degli...

Nutrie, istrici, ma anche volpi e tassi. Le popolazioni di animali selvatici in costante e continuo aumento mettono a dura prova la ?resistenza? dei corsi d?acqua.

Contro le tane, che possono compromettere la solidità e la stabilità degli argini, con prevedibili e inevitabili conseguenze per l?ambiente e la sicurezza delle persone, il Consorzio di Bonifica Alto Valdarno ha aperto una attenta e capillare ?caccia?.

Portate alla luce, con la manutenzione ordinaria dei fiumi, decine di ?scavi? di ogni dimensione, forma e profondità, adesso operai e tecnici sono al lavoro per sistemare rapidamente le situazioni da sanare.

?Con lo sfalcio dell?erba e il diradamento delle piante, in prossimità di fiumi e torrenti, come ogni anno, abbiamo trovato tane che possono essere autentici labirinti o addirittura cunicoli passanti. Un problema serio soprattutto al passaggio di una piena: si può arrivare alla formazione di frane e al crollo delle sponde e argini con conseguente uscita dell?acqua dal suo nomarle percorso ed enormi danni a terreni, case e persone?, spiega il Presidente Paolo Tamburini.

La tempestività è indispensabile, anche perché la stagione autunnale è ormai alle porte. Quindi il Consorzio Alto Valdarno, utilizzando lo strumento agile e snello dell?accordo quadro con cui all?inizio dell?anno aveva destinato risorse per interventi puntuali e urgenti (rimozione di piante cadute, frane e occlusioni) ha destinato circa 50.000 euro all?eliminazione del pericoloso ?effetto groviera?. L?operazione è in atto sul Salarco a Montepulciano, sull? Allacciante di Sinistra e sul Torrente Esse a Foiano della Chiana e sul Torrente Mucchia a Cortona. In lista di attesa anche il Torrente Foenna a Sinalunga. Ma la guerra alle tane, iniziata dalla Valdichiana, sarà presto estesa anche agli altri territori.

?L?intervento è piuttosto laborioso ? aggiunge il Presidente Tamburini -. Occorre effettuare uno scavo per verificare l?entità del danno creato dalle tane scavate dalla fauna selvatica che popola le rive dei corsi d?acqua e poi compattare adeguatamente l?argine. Evidentemente se la terra scavata dall?animale è stata asportata dalla corrente, occorre prevedere anche l?utilizzo di nuovo materiale. Il problema? E? che ogni anno dobbiamo ripetere gli interventi: le popolazioni infatti sono stanziali e si concentrano sempre nelle stesse aree, preferibilmente in quelle protette dalla vegetazione. Il nostro compito è di riuscire a tenere la situazione sotto controllo creando un equilibrio non sempre facile da mantenere?.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Nutrie, istrici e volpi: è caccia alle tane per proteggere gli argini. L'attività del Consorzio di Bonifica

ArezzoNotizie è in caricamento