Attualità

“Laboratori del suono” per portare la musica in contesti di sofferenza e disagio

L’Associazione culturale D.I.M.A. di Arezzo e Armonica Onlus di Roma insieme per i piccoli pazienti dell’ospedale Bambino Gesù. Sabato la presentazione del progetto nel Salone d’Onore della Prefettura

L’Associazione Culturale D.I.M.A. attiva dal 2014 sul territorio nazionale ed internazionale in ambito culturale, artistico e didattico-musicale con l’Accademia D.I.M.A.-International Music Academy di Arezzo, convenzionata con il Conservatorio “Bruno Maderna” di Cesena, ha stretto una significativa collaborazione con l’Associazione “Armonica Onlus” di Roma per la realizzazione del progetto “Musica e Salute” i cui “Laboratori del suono” avviati nel 2017 presso l’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù di Roma, tornano ora felicemente in campo perseguendo il prezioso obiettivo di portare la musica, col suo straordinario potere consolatorio ed emozionale, in contesti di sofferenza e disagio. E ciò, allo stesso tempo, arricchendo e sostenendo la professionalità di musicisti inseriti nella società e attenti alle sue necessità, e contribuendo a formare persone/artisti che possano adempiere a ruoli educativi, performativi e sociali in contesti di lavoro differenziati: quelli, appunto, della nostra complessa “modernità”, che chiede in tal senso “risposte” immediate, concrete e tangibili.

Il progetto dei “Laboratori del suono”, con i suoi protagonisti, le sue finalità e peculiarità, verrà presentato ad Arezzo, sabato 11 maggio, alle ore 17.30, nel Salone d’Onore della Prefettura con gli interventi di Arnoldo Mosca Mondadori e Marco Morricone, rappresentanti del Comitato scientifico di D.I.M.A. e sostenitori dell’iniziativa. Nell’occasione, il bel concerto a cura della D.I.M.A. e del Conservatorio “B. Maderna” di Cesena, in collaborazione con l’Accademia "Rainier III" di Montecarlo, il Conservatoire de Roquebrune Cap D’Ail, e il Conservatoire de Cannes.

Tornando a questo programma culturale e formativo, la musica, con la sua intrinseca capacità di infondere gioia e benessere, è base e fulcro, strumento privilegiato per ri-armonizzare e riportare equilibrio nei luoghi di disagio e in situazioni di dolore e difficoltà. L’arte musicale, annullando le distanze, le differenze di provenienza, di condizione, di cultura, si serve di un linguaggio universale “edenico” (cioè, di originaria e prima forma di comunicazione, anteriore ad ogni idioma) che favorisce una comune e reciproca contaminazione e riesce a divenire, pertanto, vero strumento di servizio, condivisione, “coralità”, unione, e soprattutto di incontro e “dono” all’altro da sé.

La musica, poi, per la sua intima necessità di silenzio, per il suo respiro interiore che proietta decisamente verso la contemplazione, la meditazione e la disciplina, è punto di partenza e strumento per realizzare un’iniziativa caratterizzata anche al forte contenuto spirituale e dalla volontà di generare e favorire integrazione, inclusione e condivisione. La musica è qui, insomma, la “padrona di casa” che accoglie in un grande abbraccio ogni forma di creatività ed espressione, senza imposizioni, se non quella di ascoltare e farsi ascoltare, e che ha il punto di unione nella natura e nella sensibilità di ognuno e di tutti.

Il progetto “Musica e Salute” coordinato dalla Presidente di Armonica Onlus, Monica Volpini e dal Maestro Giorgio Albiani direttore artistico di D.I.M.A. è seguito e sviluppato da un comitato scientifico in cui figurano, tra gli altri, Arnoldo Mosca Mondadori e Marco Morricone. E’ realizzato in sinergia e collaborazione con la Fondazione per l’Infanzia “Ronald McDonald” che gestisce diverse strutture per l’infanzia in cui vengono ospitati i pazienti pediatrici (e loro famiglie) degli ospedali “Bambino Gesù” di Roma (sede del Gianicolo e di Palidoro), “Meyer” di Firenze, “Sant’Orsola” di Bologna, Presidio Pediatrico “Cesare Arrigo” di Alessandria, Azienda Ospedaliera Spedali Civili di Brescia.

Main partners dei “Laboratori del Suono” sono SIAE (Società Italiana degli Autori ed Editori), Banca Euromobiliare, Fondazione Casa dello Spirito e delle Arti. Il primo ciclo d’incontri nella struttura per l’infanzia “Casa Ronald” di Roma-Bellosguardo, ha preso il via in questi giorni e si protrarrà fino ad agosto, rivolto ai piccoli pazienti dell’Ospedale Pediatrico Bambino Gesù (sede Gianicolo). Il progetto verrà progressivamente esteso alle altre strutture “Ronald” in Italia.

Gallery

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

“Laboratori del suono” per portare la musica in contesti di sofferenza e disagio

ArezzoNotizie è in caricamento