Venerdì, 18 Giugno 2021

Governo del territorio, Ri.U.So e Urban Pro: il convegno dell'Ordine degli architetti

La legge regionale 65 sul Governo del territorio, le sue criticità e le modifiche richieste al centro del convegno organizzato dalla Federazione degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Toscana. Secondo l'ordine...

La legge regionale 65 sul Governo del territorio, le sue criticità e le modifiche richieste al centro del convegno organizzato dalla Federazione degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Toscana. Secondo l'ordine professionale la legge toscana è carente sul tema della rigenerazione urbana sostenibile e questo sta danneggiando progetti come quello dell'Urban Pro varato ad Arezzo ma ancora fermo che avrebbe dovuto riguardare come sulla stazione ferroviaria e lo scalo merci della stessa città e quella di un'area industriale dismessa di San Giovanni Valdarno.

Le problematiche dell'ultimo piano strutturale del Comune di Arezzo sono entrate nel dibattito grazie all'intervento iniziale del sindaco Ghinelli che ha spiegato come lo sviluppo del piano strutturale della città sia in stallo perché imperniato sulla realizzazione della variante alla 71. Variante per la quale invece ci sono forti dubbi che sia costruita.

"Il dialogo con la Regione è aperto - ha dichiarato il sindaco Alessandro Ghinelli - ma se la variante alla 71 non sarà realizzata, il nostro piano strutturale in scadenza il prossimo anno dovrà essere rivisto ed incardinato sull'attraversamento della E78 nella città di Arezzo. Un piano strutturale che dovrà maggiormente tenere conto delle mutate esigenze delle famiglie e delle imprese."

Al convegno ha preso parte anche la vice presidente del consiglio regionale Lucia De Robertis che ha ribadito come in commissione ci sarà un duro lavoro da fare per le criticità della legge 65 sottolineate dagli ordini professionali.

de-robertis-architettiIl nocciolo della questione nelle parole di Paola Gigli, presidente dell'Ordine degli Architetti PPC della provincia di Arezzo nel corso della giornata di studi dal titolo 10 obbiettivi per il Governo del territorio - verso un nuovo rapporto tra progetto e territorio.

“La recente normativa della Regione Toscana sul governo del territorio (LR 65/2014) presenta - come è stato già ampiamente evidenziato dalla Federazione degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori della Toscana, e non solo, - forti criticità e risulta carente in tema di Ri.U.So., Rigenerazione urbana sostenibile. Gli incentivi previsti dalla legge non sembrano affatto in grado di attivare concrete politiche all’insegna della rigenerazione urbana sostenibile delle quali il nostro Paese e la nostra Regione hanno grande bisogno”.

convegno-borsa-merciLa Giornata rappresenta il primo di una serie di appuntamenti che avranno luogo in varie regioni italiane per declinare - a livello territoriale - “il Manifesto per il governo del territorio”. Iniziativa questa che la Conferenza Nazionale degli Ordini degli Architetti ha lanciato lo scorso luglio da Taranto - scelta come emblema della crisi della città contemporanea - quale paradigma della rigenerazione urbana e, di conseguenza, della tutela del paesaggio, della sostenibilità ambientale, della tutela dal rischio idrogeologico e sismico. Il Manifesto rappresenta il contributo degli architetti italiani alla costruzione del futuro delle città contemporanee post-industriali, ossia i principi fondamentali in base ai quali è possibile coniugare sostenibilità e qualità urbana e sociale con i processi di crescita e di trasformazione.

“A causa di queste carenze - prosegue Gigli - progetti virtuosi come UrbanPro, che ha il fine di sostenere e di sviluppare le politiche di rilancio delle città e dei sistemi economici territoriali e che proprio ad Arezzo nel 2013 ha tenuto a battesimo la firma del Protocollo tra i quattro soggetti promotori (Ordine degli Architetti PPC, CCIAA, Confcommercio e ANCE), non ha ancora trovato le condizioni per decollare operativamente, malgrado l'impegno per intervenire su due importanti aree: quella strategica della stazione ferroviaria e dello scalo merci della stessa Arezzo e quella di un'area industriale dismessa di San Giovanni Valdarno. Per incidere concretamente in alcuni contesti territoriali e sociali, ad Arezzo, così come in altre realtà regionali, occorre incentivare concorsi di architettura, accordi di partenariato pubblico-privato, utilizzo di risorse anche derivanti dai Fondi europei 2014-2020, importanti esperienze di partecipazione reale, con l'obbiettivo primario di riqualificare e ricucire al tessuto urbano parti importanti di città e ridare centralità allo spazio pubblico”.

Per Leopoldo Freyrie, presidente del Consiglio Nazionale degli Architetti, Pianificatori, Paesaggisti e Conservatori

“serve procedere al più presto all’approvazione di una legge nazionale sul governo del territorio che sia veramente innovativa e che punti alla rigenerazione urbana sostenibile. E’ tempo di porre le basi di una sana politica ambientale che finalmente ne valorizzi le potenzialità, anche dal punto di vista dello sviluppo, e che salvaguardi veramente i paesaggi italiani. Il RI.U.SO non è solo il primo obiettivo degli architetti italiani, ma è, soprattutto, un grande progetto d’investimento di idee sulle città: è, soprattutto, un grande investimento sociale. Non si limita, infatti alla riqualificazione fisica dei luoghi, ma punta a mettere in atto meccanismi che favoriscano nuove forme di relazione e di socialità e che innescano meccanismi virtuosi dal punto di vista dello sviluppo economico in grado di mitigare anche il fenomeno della disoccupazione”.

La Giornata di studio “10 obbiettivi per il Governo del territorio - verso un nuovo rapporto tra progetto e territorio” si è avvalsa dei patrocini del Consiglio Nazionale degli Architetti Pianificatori Paesaggisti e Conservatori, dell’INU, Istituto Nazionale Urbanistica, della Regione Toscana, della Camera di Commercio di Arezzo, della Provincia e del Comune di Arezzo.

Si parla di

Video popolari

Governo del territorio, Ri.U.So e Urban Pro: il convegno dell'Ordine degli architetti

ArezzoNotizie è in caricamento