Asili comunali, Tanti: "Sette assunzioni per dare stabilità". Riflessione in corso sulle telecamere

Il Comune di Arezzo ha disposto l'assunzione di sette nuove figure di maestre o maestri per i servizi all'infanzia gestiti direttamente dall'amministrazione. Entreranno in servizio gradatamente, ad ogni pensionamento che ci sarà nei prossimi mesi...

ACROPOLI1

Il Comune di Arezzo ha disposto l'assunzione di sette nuove figure di maestre o maestri per i servizi all'infanzia gestiti direttamente dall'amministrazione. Entreranno in servizio gradatamente, ad ogni pensionamento che ci sarà nei prossimi mesi. I nuovi assunti saranno pescati dall'ultima graduatoria stilata dal Comune di Arezzo che resta valida per tutto il 2016.

tanti_lucia1 Assessore alle politiche scolastiche Lucia Tanti

"Questo permetterà di stabilizzare il sistema almeno fino al 2017, fino a quel momento nulla cambierà rispetto ad ora" ha commentato l'assessore Lucia Tanti. Negli asili nido e nelle scuole dell'infanzia negli ultimi anni si è assistito ad una fuoriuscita molto numerosa di maestre che nonostante le varie riforme hanno raggiunto l'età della pensione. Il corpo insegnante, che si era formato negli anni di massimo sviluppo del sistema dell'infanzia comunale, si è così notevolmente ridotto e nei prossimi mesi altre maestre termineranno di lavorare e saranno pensionate. Per far fronte comunque al servizio, negli anni, si è assistito ad una progressiva esternalizzazione, che mantenendo la proprietà comunale, ha demandato la gestione di asili nido e scuola materne alle cooperative, tramite bando.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
"Le attuali assegnazioni scadranno proprio nel 2017 - ha aggiunto l'assessore - ed è per questo che ho iniziato nei giorni scorsi un percorso di ascolto e condivisione con tutti i principali attori del sistema, a partire dalle maestre e dai rappresentanti dei genitori, per un nuovo patto educativo della città di Arezzo. Tra le priorità c'è sicuramente quella di ascoltare cosa funziona e cosa non funziona nei servizi all'infanzia, capire cosa c'è da migliorare e in quale direzione si può innovare."

A proposito di novità, dopo i recenti fatti di cronaca che hanno visto protagoniste scuole dell'infanzia in provincia di Modena e a Pisa, dove maestre sono accusate di maltrattamenti nei confronti dei bambini, l'amministrazione sta riflettendo sull'ipotesi di inserire telecamere di video-sorveglianza all'interno dei nidi e delle materne comunali.

"Anche questo tema fa parte del percorso di avvicinamento al 2017, ho introdotto l'argomento a genitori e maestre - ha spiegato l'assessore Tanti - fermo restando che ad Arezzo nulla di tutto ciò sia mai accaduto, perché il nostro personale è profondamente preparato, ma questo non vuol dire che non potrà accadere. Ci rifletteremo."

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Otto casi di coronavirus nell'Aretino. Deceduto un paziente di 67 anni

  • I dilettanti pronti allo stop: "Se il protocollo è questo meglio fermarsi"

  • Tutti i sindaci di Arezzo dal 1946 ad oggi

  • Coronavirus in provincia di Arezzo: +13 casi. Quasi tutti in città

  • Tremendo schianto lungo la regionale 71: ragazzina di 12 anni travolta da un'auto

  • Coronavirus: +7 casi nell'Aretino. Ci sono due studenti delle superiori (Itis Galilei e Isis Valdarno) e un neonato

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento