Salute Mentale: Giuliana Galli alla guida del dipartimento dell’Ausl Toscana sud est

L’incarico triennale, conferito dal direttore generale Antonio D’Urso come da delibera del 31 maggio scorso su proposta del direttore sanitario Simona Dei, giunge in seguito alla richiesta di aspettativa del dottor Stefano Milano

E’ Giuliana Galli il nuovo direttore del dipartimento di Coordinamento tecnico della Salute Mentale dell’Ausl Toscana sud est.  

Già responsabile dell’Area omogenea Salute mentale infanzia e adolescenza a valenza aziendale, nonché dell’unità operativa complessa Neuropsichiatria infantile di Siena e dell’unità funzionale “Salute mentale infanzia adolescenza senese”, la dottoressa Galli ricoprirà il nuovo incarico  a decorrere dal 16 giugno prossimo fino al 15 giugno 2022.

“Ringrazio la direzione aziendale del nuovo incarico che andrò a ricoprire a breve - ha commentato la dottoressa Giuliana Galli -. Cercherò di rappresentare l'innovazione e allo stesso tempo  la continuità con quanto già iniziato, facilitando il lavoro di rete e la definizione dei percorsi diagnostico terapeutico assistenziali”.

L’incarico triennale, conferito dal direttore generale Antonio D’Urso come da delibera del 31 maggio scorso su proposta del direttore sanitario Simona Dei, giunge in seguito alla richiesta di aspettativa del dottor Stefano Milano, che ha diretto il  dipartimento di Coordinamento tecnico della Salute mentale fino al 30 aprile scorso e al quale vanno i ringraziamenti della direzione aziendale per il lavoro fino a oggi svolto. 

La dottoressa Galli, laureata con lode in Medicina e Chirurgia all’Università di Bologna, si è poi specializzata in Neuropsichiatria infantile (sempre a Bologna), in Psicoterapia psicoanalitica del bambino dell’adolescente e della famiglia al Tavistock di Londra, e conseguito un master di secondo livello in Management delle professioni sanitarie all’Università di Siena.

Da oltre vent’anni la sua carriera si è svolta prevalentemente a Siena. Entrata in servizio nell’allora Ausl 7 di Siena come dirigente medico di Neuropsichiatria infantile (dal 1998 al 2005), è diventata successivamente responsabile MOM (Modulo Operativo Multiprofessionale) di struttura semplice (2005-2008), direttore dell’unità operativa complessa di Neuropsichiatria infantile dell’Ausl Toscana sud est (dal 2009 a oggi), ricoprendo anche il ruolo di responsabile dell’Area omogenea Salute mentale infanzia adolescenza a livello aziendale (dal primo agosto 2016). Ha partecipato inoltre a numerosi convegni e seminari nazionali e internazionali inerenti la propria specializzazione.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Vasco Rossi incontra Scanzi e Mastandrea: "Saluti dall'Italia, quella bella"

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Sveglia prima dell'alba e naso all'insù: ecco come non perdersi la cometa Neowise

  • Un'altra vittima in moto: scontro fatale per un 61enne. Era presidente del Consorzio Agrario di Ancona

  • Il prof Caremani: "Attenzione, il virus non è più buono d'estate. E i politici diano l'esempio, vedo foto da irresponsabili"

  • Coronavirus, nuovo caso in Valdichiana: si tratta di un minore. Asl al lavoro per ricostruire i contatti

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento