Salute Mentale: Giuliana Galli alla guida del dipartimento dell’Ausl Toscana sud est

L’incarico triennale, conferito dal direttore generale Antonio D’Urso come da delibera del 31 maggio scorso su proposta del direttore sanitario Simona Dei, giunge in seguito alla richiesta di aspettativa del dottor Stefano Milano

E’ Giuliana Galli il nuovo direttore del dipartimento di Coordinamento tecnico della Salute Mentale dell’Ausl Toscana sud est.  

Già responsabile dell’Area omogenea Salute mentale infanzia e adolescenza a valenza aziendale, nonché dell’unità operativa complessa Neuropsichiatria infantile di Siena e dell’unità funzionale “Salute mentale infanzia adolescenza senese”, la dottoressa Galli ricoprirà il nuovo incarico  a decorrere dal 16 giugno prossimo fino al 15 giugno 2022.

“Ringrazio la direzione aziendale del nuovo incarico che andrò a ricoprire a breve - ha commentato la dottoressa Giuliana Galli -. Cercherò di rappresentare l'innovazione e allo stesso tempo  la continuità con quanto già iniziato, facilitando il lavoro di rete e la definizione dei percorsi diagnostico terapeutico assistenziali”.

L’incarico triennale, conferito dal direttore generale Antonio D’Urso come da delibera del 31 maggio scorso su proposta del direttore sanitario Simona Dei, giunge in seguito alla richiesta di aspettativa del dottor Stefano Milano, che ha diretto il  dipartimento di Coordinamento tecnico della Salute mentale fino al 30 aprile scorso e al quale vanno i ringraziamenti della direzione aziendale per il lavoro fino a oggi svolto. 

La dottoressa Galli, laureata con lode in Medicina e Chirurgia all’Università di Bologna, si è poi specializzata in Neuropsichiatria infantile (sempre a Bologna), in Psicoterapia psicoanalitica del bambino dell’adolescente e della famiglia al Tavistock di Londra, e conseguito un master di secondo livello in Management delle professioni sanitarie all’Università di Siena.

Da oltre vent’anni la sua carriera si è svolta prevalentemente a Siena. Entrata in servizio nell’allora Ausl 7 di Siena come dirigente medico di Neuropsichiatria infantile (dal 1998 al 2005), è diventata successivamente responsabile MOM (Modulo Operativo Multiprofessionale) di struttura semplice (2005-2008), direttore dell’unità operativa complessa di Neuropsichiatria infantile dell’Ausl Toscana sud est (dal 2009 a oggi), ricoprendo anche il ruolo di responsabile dell’Area omogenea Salute mentale infanzia adolescenza a livello aziendale (dal primo agosto 2016). Ha partecipato inoltre a numerosi convegni e seminari nazionali e internazionali inerenti la propria specializzazione.

Potrebbe interessarti

  • Tempo di mare: tutto ciò che c’è da sapere per un’abbronzatura perfetta

  • Disabili, dalla Regione Toscana 400.000 euro per favorire la mobilità individuale

  • Tempi di attesa in Valdarno, criticità risolte con il continuo monitoraggio

I più letti della settimana

  • Sagre e feste paesane: un calendario completo per non perderne nessuna

  • Ritrovati i due bambini dispersi, erano bloccati al fiume con il nonno ferito

  • Cattivo odore e calcare, come pulire la lavatrice

  • Schianto in moto contro un trattore: un ferito grave. Soccorso con Pegaso

  • Sospetta intossicazione da cianuro, tre operai al pronto soccorso

  • Cade dal tetto di casa: ferito un 44enne. Portato in elicottero a Siena

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento