In fuga dalla Guinea e da un matrimonio combinato: la storia di Manema, laureata e calciatrice

"Il mio sogno? Lavorare per una organizzazione internazionale. Ma intanto studio da cuoca e gioco a calcio"

E' scappata dalla sua casa e dalla sua terra per sfuggire ad un matrimonio combinato. Sarebbe dovuta diventare la moglie di una persona più grande di lei, che non aveva nemmeno mai visto. Una situazione putroppo non rara in Guinea, dove viveva. Una situazione alla quale Manema, così si chiama la protagonista di questa lunga storia, ha deciso di sottrarsi, scappando via. Lontano. 

Aiutata dalla sorella si è data alla fuga attraversando il cuore dell'Africa. E solo ad Arezzo ha trovato la serenità e la voglia di tornare a inseguire i suoi sogni. Oggi fa parte dello Sprar di Castiglion Fibocchi e così racconta la sua storia.

"Mia sorella si è sposata per amore e vive in Liberia con il marito - racconta Manema - è stata lei ad aiutarmi a organizzare tutto. Purtroppo non potevo raggiungerla: vive al confine, in un luogo facilmente raggiungibile dai parenti che volevano darmi in sposa". 

Cresciuta dalla nonna, seguita da uno zio che ne aveva pianificato il matrimonio, Manema è sempre stata un'ottima studentessa. Tanto da conseguire una laurea in diritto internazionale. Ma quando è arrivato il momento di dedicarsi alla ricerca di un lavoro e di diventare finalmente autonoma, tutto è cambiato. 

 "Mio zio aveva già deciso per me, dovevo sposarmi. Non avevo scelta". Lo sposo era un'amico dello zio: "Non so se gli abbiano offerto dei soldi e nemmeno da quanto tempo fosse stato stabilito che quello sarebbe stato il mio futuro. Io ero all'oscuro di tutto". 


Era il 21 settembre del 2016: Manema è partita di nascosto. Ha viaggiato un mese e 10 giorni. Il 26 ottobre è sbarcata in Sicilia. In questo lungo percorso ga attraversato, Mali, Burkina Faso, Niger e Algeria. 

"E' stato pericoloso, pericolosissimo - racconta - arrivati nel Sahara, ci hanno minacciati e abbandonati nel deserto senza acqua. Siamo rimasti  lì per alcuni giorni: chi ci trasportava aspettava che arrivassero altri soldi dai nostri parenti".

Poi il viaggio in barca: una carretta del mare che trasportava 160 persone: "Uomini, donne, bambini eravamo tutti insieme". 

Adesso Manema ha 33 anni, vive da due anni e otto mesi nell'Aretino. Per molto tempo è stata ospitata a Caprese, adesso è accolta nelle strutture dello Sprar di Castiglion Fibocchi gestito da Oxfam. 

"Il mio sogno nel cassetto? Lavorare per una organizzazione internazionale. Ma le frattempo studio". Sta infatti seguendo un corso professionale da cuoca e nel tempo libero gioca a calcio. 

"Ho iniziato ad allenarmi con l'Arezzo Calcio Femminile - racconta - una bella esperienza, anche se è complicato conciliarla con il ritmo del corso per cuoca. Spero mi aiuti ad integrarmi e a perfezionare il mio italiano: parlando con le altre ragazze spero di migliorare". 

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

In fuga per la libertà, a 16 anni scappa dall'Afghanistan e arriva in Svezia: ma solo ad Arezzo trova accoglienza

Al di là del mare 1 - Incinta di nove mesi scappò dalla Libia e si rifugiò ad Arezzo: la storia di Beauty e della sua piccola Miracle“

Al di là del mare 2 - Rapito dai terroristi e sopravvissuto alla Libia, la storia di Hassan. "Rinato ad Arezzo, ora sogno un lavoro come orafo"

Al di là del mare 3- Il sogno di Idrissa: dalla Guinea ad Arezzo passando per la Libia. "Così ho visto per la prima volta il mare"“

Al di là del mare 4 - "Ho denunciato l'omicidio di una bambina e mi hanno perseguitato". La storia di Moses, in fuga dalla Sierra Leone

Al di là del mare 5 - In fuga per la libertà, a 16 anni scappa dall'Afghanistan e arriva in Svezia: ma solo ad Arezzo trova accoglienza

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Tremendo schianto in autostrada: muore a 33 anni

  • "Smettetela di potare gli olivi". Ghinelli duro: "Faremo i controlli". Oggi 3 multe per le "giratine"

  • La mamma in ospedale e la nonna vittima del Coronavirus: due fratellini restano soli in casa

  • Inseguimento in zona Tortaia: i carabinieri fermano un 20enne, aveva preso la moto per farsi un giro

  • Coronavirus, Ghinelli: "Oggi era atteso il picco dei contagi, invece siamo a zero". Stop ai droni per i controlli

  • "Ho vinto il Coronavirus: resistete e non sottovalutatelo". La storia di Dario, aretino 38enne curato ad Abu Dhabi

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento