rotate-mobile
Domenica, 26 Maggio 2024
Calcio

Criticità per l'ordine pubblico, a Ferrara soltanto 200 tifosi amaranto. La protesta di OA

La decisione dell'Osservatorio ratificata dal Gos di stamattina. In casa della Spal un numero limitato di sostenitori aretini. Interdetta la vendita online dei biglietti, acquistabili solo alla tabaccheria del Bagnoro

L'Osservatorio nazionale delle manifestazioni sportive ha dato il via libera all'acquisto dei biglietti riservati ai tifosi amaranto per la partita di venerdì sera a Ferrara (ore 20.45) contro la Spal.

A causa delle criticità emerse in sede di analisi dei rischi, legate al "grave comportamento messo in atto dai sostenitori aretini" dopo la gara di andata, come segnalato a suo tempo dalla questura di Arezzo, nella determinazione sono inseriti alcuni paletti: trasferta consentita solo ai residenti in provincia di Arezzo, solo per il settore ospiti e nel limite stabilito dalle autorità di polizia. Consigliato l'impiego di un adeguato numero di steward e il rafforzamento delle attività di prefiltraggio e filtraggio.

Stamani la decisione definitiva è stata presa nella consueta riunione del Gruppo operativo di sicurezza. La Spal, come da determinazione dell’Osservatorio, ha messo a disposizione dei tifosi amaranto 200 biglietti di settore ospiti al costo di euro 12 (ridotto donna, over 65 e under 18 euro 8). I biglietti possono essere acquistati solo ed esclusivamente presso Tabaccheria Veri in località Bagnoro entro le ore 19 di questa sera. Non è attiva la vendita online.

Spal-Arezzo: le decisioni del Gos un’altra mancanza di rispetto nei confronti dei tifosi amaranto
Orgoglio Amaranto è suo malgrado costretto ancora una volta a constatare la totale mancanza di rispetto, da parte degli organi preposti, nei confronti della nostra tifoseria. La determinazione dell’Osservatorio, unita alla decisione maturata al termine del gruppo operativo di sicurezza di questa mattina, la quale limita ad appena 200 i biglietti a disposizione degli aretini per Ferrara, acquistabili peraltro in un unico punto vendita fisico per tutta la provincia (con tutte le criticità che ne conseguono) e per poche ore di tempo – vista la vicinanza della gara, è un sonoro schiaffo, l’ennesimo, alla passione di noi tifosi verso la nostra squadra. Il pretesto è sempre lo stesso: presunti fatti accaduti in occasione della partita d’andata, ma mai specificati, che avevano portato al divieto di trasferta a Pesaro, poi sospeso grazie al ricorso che avevamo prontamente presentato. Stavolta non c’è tempo neanche per quello, complice un modus operandi studiato a tavolino per sabotare brutalmente la trasferta in questione. Noi non ci stiamo. Esigiamo rispetto.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Criticità per l'ordine pubblico, a Ferrara soltanto 200 tifosi amaranto. La protesta di OA

ArezzoNotizie è in caricamento