Corriamo per… la neonatologia. Aretini a Valencia. Maratona e solidarietà

L'appuntamento è per domenica 1 dicembre, quando un gruppo di 12 podisti membri dell’associazione sfideranno i 42 chilometri e 195 metri della corsa valenciana

Corriamoper, la libera associazione di promozione sociale senza fini di lucro, nata ad Arezzo nel settembre del 2017 per finanziare iniziative sociali e progetti di solidarietà, riparte dalla maratona. Ed è proprio il caso di dire: non c’è 2 senza 3. Infatti, dopo New York 2017, la prima avventura che portò 10 concittadini a correre per le strade della Grande Mela e raccogliere fondi interamente devoluti al Calcit, Firenze 2018, con destinatario della raccolta il reparto di gastroenterologia dell’ospedale pediatrico Meyer, quest’anno è la volta del binomio: Valencia e ospedale di Arezzo. Sempre con il sostegno dell’amministrazione comunale.

“Siamo accanto a questa associazione fin dalla sua nascita - ha rilevato l'assessore Tiziana Nisini - perché unisce sport e solidarietà e dunque consegue ottimi risultati sul piano umano e sociale oltre che sportivo. Ci fa piacere che destinatario di questa iniziativa sia l'ospedale cittadino, che beneficerà di un macchinario di ultima generazione”.

L'appuntamento è per domenica 1 dicembre, quando un gruppo di 12 podisti membri dell’associazione sfideranno i 42 chilometri e 195 metri della corsa valenciana, giunta alla trentanovesima edizione. Eccoli in rigoroso ordine alfabetico: Roberto Bellini, Massimo Biribicchi, Ugo Borgheresi, Marco Busatti, Mauro Cacioli, Flavio Dei, Iacopo Gianni, Sara Mearini, Paolo Meoni, Simone Riceputi, Riccardo Sassoli e Enzo Taiti.

“L’obiettivo della nostra ‘gara’ di solidarietà è quello di dotare il reparto di terapia intensiva neonatale del San Donato - ha dichiarato il presidente di Corriamoper Simone Riceputi - di un macchinario per la cura dell’ittero. La raccolta fondi sta procedendo tramite una lotteria di beneficenza i cui premi sono stati messi a disposizione da numerosi sponsor sostenitori. L’estrazione avverrà sabato 9 novembre in occasione della cena di solidarietà organizzata al centro sociale di Agazzi. Il prezzo della cena è di 25 euro per gli adulti e 10 euro per i bambini fino a 10 anni”.

“Speriamo di arrivare a quota 15 mila euro grazie anche a donazioni e iniziative collaterali - ha aggiunto Ugo Borgheresi, tesoriere dell’associazione - compreso il versamento sul conto corrente bancario intestato a Corriamoper presso UBI Banca. Le coordinate Iban sono le seguenti: IT70F0311114132000000091941. Anche quest’anno abbiamo ottenuto il patrocinio dei Comuni di Arezzo e Foiano. A Valencia, ovviamente, andiamo a titolo privato e a nostre spese”.

“Grazie a Corriamoper - ha commentato Letizia Magi, direttore della neonatologia - entro qualche mese avremo un nuovo strumento, per noi importantissimo, di fototerapia intensiva di ultima generazione per abbattere l’ittero nei neonati”.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Per avere informazioni e approfondimenti sull’iniziativa basta seguire il diario di bordo sul blog www.corriamoper.org che raccoglie la storia dell’associazione oltre a varie informazioni. L’associazione “risponde” ai numeri: 0575354444, 3939418117, 3387751991.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Coronavirus Toscana: oggi 866 nuovi casi, 13 i decessi. La mappa provincia per provincia

  • Coronavirus: +812 casi oggi in Toscana e due morti. I dati, provincia per provincia

  • Nuovo Dpcm entro domenica 25 ottobre: ipotesi coprifuoco. Novità su scuola e bus

  • Coronavirus, il bollettino della Asl: 64 nuovi positivi nell'Aretino. Ci sono bimbi, studenti e insegnanti

  • "In terapia intensiva anche 50enni senza patologie pregresse", così la nuova ondata del Coronavirus

  • Lo sfogo del direttore di Rianimazione: "Abbracci senza mascherina, la gente non ha capito. Mi sono stancato"

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento