"Evanescenze", In mostra a Galleria Ambigua le opere del pittore giapponese Tetsuji Endo

Verrà inaugurata il 4 settembre alle ore 18.30, presso Galleria Ambigua (Via Cavour 72, Arezzo), la mostra personale del pittore giapponese Testsuji Endo. L’evento costituisce la prima esposizione del ciclo di mostre personali, di livello  internazionale, che la Galleria ospiterà fino al giugno 2021.

Intento dell’esposizione “Evanescenze”, che resterà aperta fino al 23 settembre, è quello di offrire alla città di Arezzo uno sguardo sull’arte contemporanea orientale, valorizzandone le profonde implicazioni filosofiche. La pittura di Endo, infatti, ha in sé qualcosa di unico: con estrema poeticità, quest’artista riesce ad unire l’oriente e l’occidente, dando vita ad opere originalissime che, a partire dalla tradizione, sanno far riflettere sul nostro presente precario.

Autore giapponese formatosi in Italia, Endo utilizza la tecnica della carta invecchiata, realizzando lavori carichi di simbolismi che necessitano di un’esegesi accurata e che ci spingono a scendere nella profondità dell’anima. 

Figure ricorrenti, nelle opere dell’artista, sono gli alberi e gli animali, che lasciano intuire la ricerca di un’armonia tra l’uomo e la dimensione originaria dalla quale la vita scaturisce. 

Oltre a quest’aspetto “naturalistico”, i lavori di Endo possiedono una profonda complessità, poiché tracciano sulla carta le coordinate esistenziali dell’uomo contemporaneo.

E’ infatti evidente un approfondito studio della tradizione pittorica, che spinge l’autore a confrontarsi con alcuni dei più grandi maestri di tutti i temi -da Leonardo, a Paolo Uccello-, seppur superandoli. In tal senso, il classicismo si unisce all’estrema originalità ed innovazione di Endo, che sa far parlare la sua arte della nostra epoca. 

Nell’opera “Pandemia”, per esempio, il pittore s’ispira al recente dramma che ha segnato il mondo intero, innescando una riflessione articolata sulla caducità dell’esistenza e sul tempo, uno dei concetti ricorrenti nella poetica dell’artista. Proprio il tempo pare inspirare molti dei lavori del pittore che, nelle sue opere in bianco e nero, ritrae l’evanescenza della vita e proprio di quest’evanescenza sono simboli la clessidra e gli alberi, che raffigurano rispettivamente il divenire e l’evoluzione, ai quali nessuno può sottrarsi.

Simili ad aforismi che s’incidono nel cuore, le opere di Endo possiedono un profondo substrato filosofico, che spinge il fruitore ad avventurarsi nei labirinti di china e carta del pittore. Labirinti che divengono simboli, anch’essi, della condizione umana e dell’imprescindibile ricerca che essa implica poiché, in fondo, quale altro è lo scopo della vita, se non una continua ricerca di significati?

Nei lavori di questo raffinato artista, che riesce ad oltrepassare le forme creando una pittura filosofica, alla meditazione sulla caducità dell’esistenza si unisce il tema della natura, un elemento imprescindibile e dal quale anche l’uomo trae la vita, dovendo continuare a confrontarsi con esso ancora oggi. 

In tal senso, sono molti i lavori che il pittore dedica proprio allo studio degli elementi naturali, che vengono raffigurati in modo originalissimo attraverso un unicorno (emblema del fuoco), un’aquila dalle ali immense e simbolo di libertà (emblema dell’aria), un pesce sconosciuto dalle dimensioni gigantesche (emblema dell’acqua) ed un cervo dalle corna smisurate che si fanno rami (emblema della terra).

Come le tele botticelliane, in cui dietro alle figure si celano significati da decifrare, le opere di Endo spingono ciascuno di noi ad interrogarsi e lo fanno attraverso uno stile che riesce ad unire l’onirico e la vastità dei sogni, all’attualità, grazie ad una pittura in cui nessun elemento è casuale e nella quale ci s’imbatte in uno specchio, ch’è poi il riflesso dell’anima. Ed è proprio questo lo scopo ultimo che Endo pare voler perseguire: un’arte in cui le forme non siano fini a se stesse, ma divengano porte d’accesso all’interiorità ch’è celata in ognuno di noi.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Riapre la mostra "La regola di Piero" di Mimmo Paladino: è visitabile tutti i giorni (gratis)

    • Gratis
    • dal 1 giugno al 30 settembre 2020
    • Varie sedi
  • Banksy incontra Piero con la mostra “Affreschi Urbani” a Sansepolcro

    • dal 19 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo Civico Sansepolcro
  • Cortona On The Move 2020: torna l'evento dedicato alla fotografia. Le date e le info sul tema dell'edizione

    • dal 11 luglio al 27 settembre 2020

I più visti

  • Riapre la mostra "La regola di Piero" di Mimmo Paladino: è visitabile tutti i giorni (gratis)

    • Gratis
    • dal 1 giugno al 30 settembre 2020
    • Varie sedi
  • Banksy incontra Piero con la mostra “Affreschi Urbani” a Sansepolcro

    • dal 19 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo Civico Sansepolcro
  • I giorni del vino: visite in cantina e iniziative. Il calendario

    • dal 24 giugno al 11 ottobre 2020
  • Cortona On The Move 2020: torna l'evento dedicato alla fotografia. Le date e le info sul tema dell'edizione

    • dal 11 luglio al 27 settembre 2020
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
    Play
    Replay
    Play Replay Pausa
    Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
    Indietro di 10 secondi
    Avanti di 10 secondi
    Spot
    Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
    Skip
    Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
    Attendi solo un istante...
    Forse potrebbe interessarti...
    ArezzoNotizie è in caricamento