“I miei disegni dal Berghi”: mostra di Riccardo Ciotti

Si conclude sabato 24 ottobre nel ristorante enoteca Berghi “dal Grigino”, in via XX Settembre a Sansepolcro, la mostra di disegni di Riccardo Ciotti denominata “I miei disegni dal Berghi” che era stata inaugurata domenica 6 settembre scorsa. E all’improvviso spuntò l’artista, questo potrebbe essere uno dei possibili titoli di una storia semplice ma non troppo. Figura di riferimento della Cooperativa Sean, Ciotti è più noto come atleta e non è difficile vederlo maratoneta anche in competizioni che si svolgono nel territorio della Valtiberina o anche come animatore di gruppi che si occupano di custodire o ripulire la città di Sansepolcro dagli immancabili segni dell’inciviltà perdurante. Lui appartiene alla categoria di quanti credono che sia molto difficile pensare di risolvere i problemi se non sviluppando un’azione collaborativa. Ora, preso atto di questa sua nuova inclinazione alla creatività, sarà necessario dover definire come istrionica la sua multiforme personalità. “Spazia e viaggia pure con la tua fantasia ma se, per caso, cerchi nei disegni il mio messaggio beh, esso è piuttosto semplice sia da vedere che da interpretare. – queste le parole che Riccardo Ciotti ha scritte per accompagnare e presentare la mostra - Il sole con le macchie, i palazzi con le macchie, gli scarti, i rifiuti, gli avanzi. Inquinamento e smog che la fanno da padrone. Questo non è il mondo che vorrei per me e per i me del futuro”. Ciotti ama definire la sua attività di creativo come un semplice passatempo costruttivo e piacevole. “Disegnare e colorare, - dice sempre Ciotti - viaggiare con la mente e plasmare via via con la mano ciò che il cervello stampa in testa”. Ha iniziato a disegnare e colorare quasi esclusivamente con i pennarelli nel 2017 ma quando pensava che questa attività potesse essere arrivata al suo esaurimento, forse persi gli entusiasmi e le motivazioni iniziali, ecco che arriva la quarantena con il conseguente isolamento; ogni giorno di quel triste periodo pubblica su facebook un disegno diverso. La passione vissuta con moderazione e pudore finisce per saltare agli occhi di tanti come qualcosa di caleidoscopico e piacevolissimo e, poi, grazie all'insistenza di alcuni amici arriva l’esposizione dal Berghi. Alla base del lavoro di Ciotti non ci sono però solo la mentalità ambientalista e il chiaro messaggio civico. L’universo di Ciotti, tracciato con una tavolozza cromatica estremamente varia e pop, è il prodotto di una fantasia sfrenata e fiabesca. Villaggi senza tempo e, forse, senza identità regionale, si rincorrono popolati da mongolfiere, pianeti, tramonti e simboli. Il senso di devozione a qualcosa di superiore e la croce solo uno dei valori aggiunti che il creativo sembra chiamare in causa per raccontarci le sue storie. Su tutto prevale un segno grafico e una composizione che appare possedere già una certa personalità; il suo lavoro è infine, lo ammette anche lui, il risultato dell’osservazione di tanti creativi locali come Gastone Lanfredini e Mario Dolfi e della frequentazione delle tante mostre che si svolgono nelle sale espositive di Sansepolcro. Sotto i suoi occhi anche i lavori del più noto cugino musicista e pittore Andrea Ciotti che con grande successo ha concluso proprio lo scorso 18 ottobre, nella sala espositiva comunale di Palazzo Pretorio, la mostra intitolata “Il mare visto dalla Luna”. Una bella serie di indizi sembrano dunque lasciare intuire che siamo di fronte alla nascita di un’altra interessante personalità creativa del nostro territorio; solo il tempo potrà darci ragione.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Mostre, potrebbe interessarti

  • Banksy incontra Piero con la mostra “Affreschi Urbani” a Sansepolcro

    • dal 19 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo Civico Sansepolcro
  • "Evanescenze", In mostra a Galleria Ambigua le opere del pittore giapponese Tetsuji Endo

    • dal 4 settembre 2020 al 1 giugno 2021
    • Galleria Ambigua
  • Mostra su Fellini al Museo dei Mezzi di Comunicazione

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Mumec - Museo dei Mezzi di Comunicazione

I più visti

  • Banksy incontra Piero con la mostra “Affreschi Urbani” a Sansepolcro

    • dal 19 giugno 2020 al 10 gennaio 2021
    • Museo Civico Sansepolcro
  • “Notizie di Storia”, periodico semestrale della Società aretina

    • dal 5 giugno al 31 dicembre 2020
  • Libri e letture: la collezione della biblioteca digitale del Valdarno di Sopra

    • Gratis
    • dal 18 aprile 2020 al 1 gennaio 2021
    • Biblioteca Digitale Valdarnese
  • "Evanescenze", In mostra a Galleria Ambigua le opere del pittore giapponese Tetsuji Endo

    • dal 4 settembre 2020 al 1 giugno 2021
    • Galleria Ambigua
  • Potrebbe interessarti

    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento