“Ipazia muore male”, spettacolo all'Anfiteatro Romano

“Donne dell’Antichità nell’Anfiteatro Romano di Arezzo: Ipazia e Aspasia” è la nuova rassegna teatrale estiva, con visite guidate, incontri e presentazioni, organizzata grazie alla sinergia tra il Polo Museale della Toscana e il Museo Archeologico Nazionale di Arezzo Gaio Cilnio Mecenate, il Rotary Club Arezzo Est, la Compagnia Teatrale Archeosofica e Munus.

La rassegna, preceduta da un primo incontro in programma il 21 giugno, si inaugura il 29 giugno alle 21.30 con lo spettacolo “Ipazia muore male” dedicato all’affascinante e bellissima matematica-filosofa del V secolo d.C., crudelmente assassinata dall’intolleranza religiosa, nel clima del “fine Impero Romano”, e prosegue il 5 e 6 luglio sempre alle 21. 30, con l’adattamento teatrale del romanzo “Aspasia. Lei guardava spesso il mare” in cui rivivono le straordinarie vicende di Aspasia di Mileto (470 a.C .circa – 400 a.C. circa), la donna che fu per vent’anni compagna e consigliera del grande statista ateniese Pericle.

Lo spettacolo

“Ipazia muore male”, scritto e diretto da Alessandro Bandecchi, ricongiunge il passato a temi di grande attualità narrando la crisi del sistema politico-giuridico dell’Impero Romano del V sec. d.C. esasperata dalle pressioni migratorie, dai conflitti tra integralismi religiosi, dalle relative eresie e scismi con spietate lotte interne. Ipazia sostenitrice del Libero Pensiero laico e fondato sulla ragione diventa il simbolo da abbattere con la massima ed esemplare crudeltà nella prima sanguinosa “crociata” in difesa della tradizione. Tutti i personaggi dello spettacolo rivivono in scena attraverso le parole delle fonti originali dei più grandi autori del passato: Socrate Scolastico, Damascio, Filostorgio, Giovanni Malala, Sinesio di Cirene, Giovanni di Nikiu, Lessico di Suida, abilmente composte insieme ai testi contemporanei e ai contributi del fondamentale saggio di Silvia Ronchey su Ipazia e alle preziose ricerche di Luciano Canfora e Umberto Eco.

“Aspasia. Lei guarda spesso il mare”, diretto da Alessandro Boncompagni, è l’adattamento teatrale dell’omonimo romanzo breve scritto da sette donne, autrici e amiche, accomunate dalla passione per la scrittura e per l’antica Grecia. Il testo snello, poetico, articolato in quadri non necessariamente cronologicamente progressivi diventa uno spettacolo corale, con 20 attrici e 5 attori e una colonna sonora appositamente creata dal giovane compositore romano Davide Parola. I personaggi originali del testo letterario si moltiplicano nella versione per la scena per dare voce, movimento e intensità all’intera narrazione. Diventano personaggi anche le stesse autrici per raccontare il percorso ideativo e la loro scelta narrativa. La forte e complessa personalità di Aspasia è affidata all’interpretazione di più attrici che si alterneranno e si sovrapporranno quasi a voler suggerire alla spettatrice e allo spettatore di oggi che le “qualità” interiori e culturali dell’Aspasia del V secolo a.C. appartengono in potenza a ciascuna donna contemporanea e possono oggi continuare ad essere riscoperte e coltivate.

Le visite guidate

Il programma si completa con visite guidate tematiche al Museo Archeologico Nazionale, presentazioni editoriali e incontri di approfondimento storico che consentiranno di conoscere le due figure femminili protagoniste della rassegna prima della messa in scena degli spettacoli.

Il 6 luglio il programma prevede alle 15.30 una visita guidata al Museo e all’anfiteatro curata dalla direttrice Maria Gatto e alle 17:30 la conferenza di Sandra Beronesi "L’amore nell’antica Grecia: Pericle e Aspasia", seguita dalla presentazione del romanzo "Lei guarda spesso il mare: Aspasia" (Bastogi editore), di Banchi B., Beronesi S., Geppetti S., Petrucci C., Raffaelli I., Savasta C., Taliani L.

Attendere un istante: stiamo caricando la mappa del posto...

Attendere un istante: stiamo caricando i commenti degli utenti...

Commenti

A proposito di Teatri, potrebbe interessarti

  • 329 Malpighi Live: il web show migliore di tutti i tempi

    • solo domani
    • 9 maggio 2021
  • L’amore segreto di Ofelia di Steven Berkoff interpretato da Chiara Francini

    • 3 giugno 2021
    • Teatro Mario Spina
  • Sul palco del Mario Spina in scena: "Doc – Donne d’origine controllata" con Francesca Reggiani

    • 20 maggio 2021
    • Teatro Mario Spina

I più visti

  • Trekking dell'Antica Ferrovia

    • solo domani
    • 9 maggio 2021
    • Pieve di S.Eugenia al Bagnoro
  • "Evanescenze", In mostra a Galleria Ambigua le opere del pittore giapponese Tetsuji Endo

    • dal 4 settembre 2020 al 1 giugno 2021
    • Galleria Ambigua
  • Mostra su Fellini al Museo dei Mezzi di Comunicazione

    • dal 24 ottobre 2020 al 30 giugno 2021
    • Mumec - Museo dei Mezzi di Comunicazione
  • Fuga dal museo o Caccia al Tesoro tra le opere d'arte? Due percorsi per scoprire Casa Bruschi

    • dal 5 al 31 maggio 2021
    • Casa Museo Ivan Bruschi
  • Potrebbe interessarti
    Torna su
    ArezzoNotizie è in caricamento