rotate-mobile
Mercoledì, 17 Agosto 2022
Giostra Saracino

Il pronostico dice Santo Spirito ma in piazza sarà una battaglia. E' la notte della Giostra

Cicerchia-Scortecci coppia da battere nonostante una concorrenza agguerrita. Porta del Foro lancia Rossi dopo una sfilza di 5 in prova, carica e fiducia a Porta Crucifera con Rauco in grande spolvero. A Sant'Andrea debutta Montini e comincia il dopo Vedovini

Porta Santo Spirito parte da 9 e quindi è un metro avanti agli altri quartieri. Il sentimento popolare, corroborato dall'andamento delle prove ma soprattutto dal cv dei giostratori, è netto. Quasi tutti gli addetti ai lavori, fatte salve le sfumature di pensiero, ritengono che Cicerchia e Scortecci abbiano più del 25% di probabilità di successo. E che gli altri possano vincere solo se la perdono ai Bastioni. Elia con Olympia non è stato il più brillante in settimana ma lui è un animale da competizione, come dimostra il passato. Gianmaria e Doc, invece, sono una certezza. La Colomba ha primeggiato 10 volte nelle ultime 18 edizioni e il rettore Ezio Gori non si è nascosto: “tecnicamente siamo i più forti”.

Sembrerebbe tutto scritto, ma così non è. Uno, perché la Giostra è imprevedibile (Rauco docet). Due, perché gli avversari avranno pure qualche punto interrogativo sulla testa ma non sono rimasti a guardare. Porta del Foro, per esempio, schiera un debuttante come Rossi in sella a Rocky, che non ha mai affrontato la lizza. Eppure proprio Tallurino in questi giorni ha macinato 5 a tutto spiano, tanto che la piazza stasera potrebbe aprirla proprio lui, apparso sereno e tranquillo come un veterano. O come un neo papà, visto che da poche settimane è nato suo figlio Leo. Parsi e Nuvola lo scotto dell'esordio non ce l'hanno, a loro il capitano Casini (prima volta con lo scettro) e l'intero quartiere chiedono un salto di qualità.

Occhio a Porta Crucifera, comunque, che come tradizione vuole ha ritrovato vitalità quando sembrava in crisi profonda. Rauco a settembre del 2021 ha spezzato la lancia e l'incantesimo, riannodando i fili con la vittoria che ha sempre accompagnato Colcitrone, non a caso in testa all'albo d'oro sia in Giostra che in prova generale (vinta l'altra seracon Bennati e Paffetti). Proprio Rauco ha vissuto una settimana in grande spolvero, andando regolare sul pomodoro insieme a Romina. Più altalenanti Vanneschi e Pinocchio (il sostituto di Carlito Brigante, purtroppo morto giovedì). Portare in piazza due cavalli novizi alza il margine di rischio ma i rossoverdi sono campioni uscenti, sono carichi e in fiducia. Trionfassero di nuovo, non sarebbe una sorpresa.

Per chiudere le carriere, la sorte ha designato Porta Sant'Andrea, alla prima uscita del dopo Vedovini. Per i biancoverdi è terminata un'epoca e adesso c'è da capire se, come e quando il quartiere riuscirà ad aprirne un'altra. Anche in questo caso c'è un capitano, Gavagni, che deve rompere il ghiaccio come il giostratore Montini e la sua Siria. Marmorini, fino a pochi mesi fa sotto l'ala protettiva di Vedovini, adesso è il veterano della coppia e in prova ha dimostrato di avere un alleato affidabile come Conte. Difficile prevedere come andrà, anche se gli ultimi due debuttanti di Sant'Andrea, Cherici nel 2004 e proprio il benzina nel 2018, hanno cominciato con un cinque e una lancia d'oro portata a San Giusto.

In palio, stanotte, ci sarà il trofeo progettato da Roberto Felici, rettore di Porta del Foro, e realizzato meravigliosamente dal maestro Francesco Conti. E' dedicato all'istituto Thevenin e ha una peculiarità: è bellissimo come il clima che si respira in queste ore. Arezzo ne aveva bisogno.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il pronostico dice Santo Spirito ma in piazza sarà una battaglia. E' la notte della Giostra

ArezzoNotizie è in caricamento