Venerdì, 24 Settembre 2021
Economia

Securpol, ancora nessun titolare a cui intestare la licenza. Sindacati: "Chiederemo l'intervento del ministero"

Cinque giorni. Tanti devono ancora attendere i lavoratori della Securpol per conoscere il proprio destino e futuro lavorativo. Come già preannunciato, è fissata per il 25 luglio la scadenza entro la quale decadranno i termini e all’istituto di...

Cinque giorni. Tanti devono ancora attendere i lavoratori della Securpol per conoscere il proprio destino e futuro lavorativo. Come già preannunciato, è fissata per il 25 luglio la scadenza entro la quale decadranno i termini e all'istituto di vigilanza armata verrà revocata la licenza a svolgere qualsiasi servizio di sicurezza.

Davanti a questo rischio, la bussola che muove la Uiltucs Toscana, categoria della Uil che tutela le guardie giurate e segue il settore della sicurezza, punta in un'unica direzione: salvare il posto di lavoro delle quasi 1.500 guardie armate della Securpol.

Nel territorio aretino invece, sono circa 130 i dipendenti che prestano servizio all'interno della azienda e che, se non vi saranno risvolti di altro tipo, tra meno di una settimana si troveranno senza un impiego. Una situazione già rappresentata al prefetto di Arezzo Clara Vaccaro durante l'incontro che si è svolto negli scorsi giorni.

"Per raggiungere questo fondamentale obiettivo - dichiara Marco Conficconi, segretario generale della Uiltucs Toscana - abbiamo bisogno che la licenza affidata all'istituto venga immediatamente assegnata. Il prefetto di Arezzo ha creato con estrema chiarezza e correttezza, le condizioni affinché i custodi nominati dal tribunale di Roma possano individuare velocemente un titolare della licenza, ma purtroppo, ad oggi, pare che nulla sia stato fatto in questo senso dai due custodi. Sappiano questi professionisti nominati dal tribunale, anche per tutelare i lavoratori della Securpol Group - prosegue Conficconi - che la Uiltucs Toscana chiede loro di assumersi, in prima persona, la responsabilità sulla licenza e sulla gestione dell'istituto. E li riterrà direttamente responsabili qualora ostacolino, senza motivo alcuno, l'assegnazione della licenza di servizio della Securpol e il proseguimento di tutti i rapporti di lavoro attualmente in essere. Per salvare il posto di lavoro di tutte le Gpg Securpol, se sarà necessario, la Uiltucs si rivolgerà direttamente al Ministro degli Interni, a cui per altro abbiamo già affidato una nostra nota in merito, fino alla Procura della Repubblica".

"I lavoratori della Securpol e le loro famiglie hanno diritto al massimo rispetto della loro dignità. Intanto - afferma Gennaro Cotugno, coordinatore regionale della Uiltucs Toscana per il settore sicurezza armata - lunedì 24 luglio saremo sotto la Prefettura di Arezzo per monitorare ulteriormente la situazione e verificare, direttamente con il Prefetto, gli altri, possibili, scenari. Insieme ai nostri rappresentanti e a molti lavoratori saremo lì, il prossimo 24/07 - prosegue Cotugno insieme a Luigi Marciano (coordinatore vigilanza armata della Uiltucs Toscana Sud) - perché da Arezzo siamo pronti a spostarci e manifestare in tutte le città, e sono tante, dove Securpol ha una sede. Roma compresa! Se non ci saranno evoluzioni positive nei prossimi giorni, comunque prima di lunedì, e non avremo certezza di aver salvaguardato le guardie giurate, la Uiltucs proseguirà la lotta".

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Securpol, ancora nessun titolare a cui intestare la licenza. Sindacati: "Chiederemo l'intervento del ministero"

ArezzoNotizie è in caricamento