4,5 milioni di ore autorizzate per la cassa integrazione."Crescita di 155 volte rispetto all'anno passato"

Le due tipologie di intervento utilizzate nel mese di aprile sono la cassa integrazione ordinaria e quella in deroga: la prima rappresenta la quasi totalità delle concessioni

Marco Randellini, segretario generale Camera di Commercio Arezzo Siena

Oltre 155 volte il valore dello scorso anno. A tanto ammontano le ore di cassa integrazione autorizzate nel solo mese di aprile. Sono queste le cifre rese note dalla Camera di Commercio di Arezzo e Siena riguardo la situazione nel territorio provinciale. La maggior parte delle concessioni ha riguardato l’industria (79% del totale) e il comparto dell’edilizia (11,7%). Minori gli interventi per gli altri settori: commercio 3,9%, trasporti 2,2%, alberghi e ristoranti 1,2%, altri servizi 1,6%.

“I dati riferiti all’utilizzo della cassa integrazione guadagni in provincia di Arezzo – evidenzia il segretario generale dell’ente Marco Randellini - ci forniscono la prima fotografia, certa e precisa, dell’impatto sul lavoro dell’emergenza Covid-19. Nel solo mese di aprile sono state autorizzate oltre 4,5 milioni di ore, oltre 155 volte il valore dello scorso anno e superiore a gran parte delle autorizzazioni annuali concesse negli ultimi anni. Una crescita vertiginosa e ben superiore a quella nazionale anche per il ruolo  che il settore manifatturiero ha nel nostro territorio. L’andamento del mese di aprile condiziona chiaramente anche i valori cumulati dei primi quattro mesi del 2020: le ore di cassa integrazione autorizzate sfiorano i 5 milioni, con una crescita del +1.777% (quasi 18 volte il corrispondente valore del 2019). Sono dati certamente preoccupanti ma non certo inaspettati, adesso con la fase due e la ripresa delle attività produttive ci attendiamo una drastica riduzione dell’utilizzo di questa tipologia di ammortizzatore sociale. In caso contrario le conseguenze sulla tenuta del sistema imprenditoriale e sulla crescita del tasso di disoccupazione sarebbero rilevanti e potrebbero ostacolare le prospettive di ripresa per il terzo e quarto trimestre dell’anno previste da molti istituti ed enti, nazionali ed internazionali, di analisi economica ad iniziare dal Fondo Monetario Internazionale".

Nel manifatturiero gli interventi più rilevanti sono quelli concessi al settore orafo e dei mobili 32,6% del totale manifatturiero, prodotti della lavorazione di minerali non metalliferi 10%, comparto della moda (tessile-abbigliamento-pelletteria-calzature) 16,7%, lavorazione prodotti in metallo 17,3%.

Le due tipologie di intervento utilizzate nel mese di aprile sono la cassa integrazione ordinaria e quella in deroga: la prima rappresenta la quasi totalità delle concessioni (93,5% del totale) e cresce del 5728% rispetto al 2019. La gestione in deroga rappresenta il restante 6,5% e passa dall’assenza di interventi del 2019 a 182mila ore nel 2020.

Schermata 2020-05-22 alle 17.09.01-2

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

La situazione della CIG in deroga dovrà essere, nelle prossime settimane, aggiornata per quanto concerne il numero delle domande autorizzate.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Gilet arancioni in piazza, Vasco Rossi rilancia il post di Scanzi: "La farsa ha preso il posto della realtà"

  • Non solo in tv: la Crew Dragon sarà visibile anche nei cieli italiani

  • Scontro frontale tra due moto: morto un centauro di 48 anni

  • Buoni postali fruttiferi, 100mila euro riconosciuti a un risparmiatore aretino. Il caso

  • Mascherine: dal 31 maggio stop alla distribuzione nelle farmacie, in arrivo nuove modalità

  • Boscaiolo 47enne muore schiacciato da un albero. E' un incidente sul lavoro

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento