Banca Etruria, Farnesi (Federconsumatori): " Verso una nuova stagione, anche se la risposta del Fondo Interbancario non è risolutiva"

“La vicenda degli obbligazionisti azzerati di Banca Etruria, pur tra difficoltà e chiarimenti ancora necessari, sta avviandosi verso una soluzione che se non risolutiva dà una prima significativa risposta ad un numero consistente di risparmiatori"...

federconsumatori_tribunale2

“La vicenda degli obbligazionisti azzerati di Banca Etruria, pur tra difficoltà e chiarimenti ancora necessari, sta avviandosi verso una soluzione che se non risolutiva dà una prima significativa risposta ad un numero consistente di risparmiatori". Così interviene Fulvio Farnesi, presidente di Federconsumatori Toscana sul regolamento approvato alcuni giorni fa dal Fondo Interbancario.

"Gli obbligazionisti azzerati in presenza di una delle due condizioni (reddito complessivo individuale sotto 35mila euro o 100mila euro di patrimonio mobiliare individuale) - spiega - potranno adire per via extragiudiziale al ristoro automatico. Saranno invece obbligati alla via arbitrale, di cui peraltro non sappiamo niente, coloro che superano entrambi le condizioni, che hanno acquistato obbligazioni dopo il 12 giugno 2014, che hanno acquistato le obbligazioni sul mercato secondario".

Ne deriva che "Rimangono esclusi i piccoli azionisti, per i quali come Associazione continueremo a dare sostegno ed a ricercare tutte le strade possibili per trovare soluzioni soddisfacenti anche alla loro posizione" spiega Farnesi.

"Davvero abbiamo visto ed ascoltato situazioni di disagio e di impoverimento di nuclei familiari o di semplici cittadini. Da lì siamo partiti, lavorando spesso in silenzio, ma con il dovere morale di dare risposte a tutti a partire dalle situazioni più deboli. Serve ricordare le varie ipotesi che si sono succedute nel tempo e che abbiamo contrastato e spesso risolto, come l'ipotesi di aiuto umanitario, prima uscita del Ministro delle Finanze Padoan, e successivamente ipotesi di ristoro progressivo a seconda del reddito a partire dal 30% per arrivare al 60%; poi, l'ipotesi del solo arbitrato come strumento extragiudiziale.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

'Times New Roman', serif;">Per questo siamo in un’altra stagione, che non riteniamo conclusiva. Anzi. Aspettiamo che la Magistratura faccia il suo corso, certo, chiediamo però di farlo bene ed in fretta. Le responsabilità se ci sono, e noi pensiamo ci siano, e gli esposti presentati alla Procura di Arezzo sono lì a dimostrarlo; vanno esplicitate prima possibile. Anche quella strada, se si aprirà, la percorreremo a maggior tutela di chi si è affidato alla Federconsumatori”.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento