Cronaca

Tappeto di siringhe dietro all'asilo nido di via Cesti

La zona di via Provenza, perpendicolare a via Cesti, ad Arezzo è tristemente nota per essere frequente teatro di consumo di droga. La stradina cieca e appartata, vicino ai binari della ferrovia, risulta particolarmente favorevole per i...

siringhe-asilo

La zona di via Provenza, perpendicolare a via Cesti, ad Arezzo è tristemente nota per essere frequente teatro di consumo di droga. La stradina cieca e appartata, vicino ai binari della ferrovia, risulta particolarmente favorevole per i tossicodipendenti che cercano riparo da occhi indiscreti.

E quel che resta del consumo è ben visibile agli occhi di chi passa in zona. Chi trova parcheggio nei paraggi può vedere siringhe lasciate qua e là, a terra, appena usate. Molte si concentrano in un'area transennata, di fatto dietro all'asilo nido di via Marcantonio Cesti.

A meno di 100 metri dall'ingresso della scuola dell'infanzia comunale, in fondo alla strada tra via Cesti e via Libia, lo scenario è desolante.

Quindici anni fa, nel 2003, in questa zona furono trovati i cadaveri di due trentenni, un uomo e una donna. Erano all'interno di un furgone dove si erano ritirati, morirono per overdose. I corpi furono notati da un passante, dopo che il suo cane, ripetutamente, si era messo ad abbaiare in direzione del vano del furgone.

@MattiaCialini

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Tappeto di siringhe dietro all'asilo nido di via Cesti

ArezzoNotizie è in caricamento