Cronaca

Presa la coppia di ladri di Foiano: hanno messo a segno 53 colpi in pochi giorni

I carabinieri della stazione di Foiano della Chiana, in collaborazione con il locale Comando di Polizia Municipale, hanno deferito all’autorità giudiziaria due uomini di origine albanese: L.K. classe 1981, e S.E. classe 1996, entrambi...

foiano-della-chiana

I carabinieri della stazione di Foiano della Chiana, in collaborazione con il locale Comando di Polizia Municipale, hanno deferito all'autorità giudiziaria due uomini di origine albanese: L.K. classe 1981, e S.E. classe 1996, entrambi pluripregiudicati, ritenuti gli autori di cinquantatré furti avvenuti nell'ambito del Comune di Foiano della Chiana.

A partire dalla fine del mese di marzo 2018, infatti, la zona periferica dell'abitato di Foiano della Chiana è stata interessata da una lunga serie di furti e tentati furti su autovetture, presso strutture sportive, scolastiche, esercizi pubblici, abitazioni e rimesse agricole, reati perpetrati generalmente durante la notte.

Per interrompere il fenomeno sono state avviate mirate indagini negli ambienti della criminalità comune locale, associate ad un'intensa attività di prevenzione svolta con l'esecuzione di servizi perlustrativi concentrati nelle ore notturne, di concerto con il personale del locale comando di Polizia Municipale.

Le indagini si sono sviluppate sia attraverso l'ausilio delle telecamere comunali, sia attraverso servizi di perlustrazione effettuati dai militari della Compagnia di Cortona, che hanno svolto numerosi accertamenti e posti di controllo al fine di poter raccogliere informazioni utili per risalire agli autori dei furti. Le telecamere comunali hanno permesso di appurare che i due criminali si muovevano a piedi proprio per eludere con più facilità i controlli da parte delle numerose pattuglie che ogni notte erano state dispiegate sul territorio ormai martoriato dai numerosi reati.

Grazie ad una attenta e scrupolosa attività informativa, nonché al solerte controllo del territorio, si è potuto appurare che i due albanesi avevano costituito un covo nell'immediata periferia del centro, nelle pertinenze di un edificio in via di costruzione. È proprio qui che nascondevano gli arnesi da scasso e gli abiti che utilizzavano per perpetrare i furti. Una volta cambiatisi, tramite le campagne, raggiungevano le case nelle quali mettevano in atto il loro disegno criminale. Dopodiché, rientravano nel covo, nascondevano sotto pietre e travi gli arnesi da scasso e mettevano ad asciugare i vestiti utilizzati durante i furti. Articolando le ricerche a partire dal covo, i carabinieri riuscivano a delineare i percorsi che i malviventi seguivano tracciando dei veri e propri sentieri nella vegetazione.

A seguito delle perquisizioni personali e domiciliari eseguite dai militari della locale stazione Carabinieri, sono stati rivenuti alcuni oggetti proventi di furto e sono stati sequestrati tutti gli arnesi dei quali i malviventi si sono serviti. La refurtiva rivenuta consta soltanto dei beni che i due albanesi non sono riusciti ad alienare, dal momento che si trattava spesso di generi alimentari.

Sono in atto ulteriori ricerche per cercare di recuperare la refurtiva mancante, probabilmente introdotta nel mercato nero dei preziosi.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Presa la coppia di ladri di Foiano: hanno messo a segno 53 colpi in pochi giorni

ArezzoNotizie è in caricamento