Delitto del fiume: a marzo processo per Polverini. Katia uccisa con pugni e martellate

E' stato fissato per il 3 marzo 2017 il processo a carico di Piter Polverini, il 24enne di San Giustino Umbro accusato della morte di Katia Dell'Omarino, la quarantenne biturgense ritrovata cadavere lungo le sponde del torrente Afra il 12 luglio...

katia-omarino-piter-polverini

E' stato fissato per il 3 marzo 2017 il processo a carico di Piter Polverini, il 24enne di San Giustino Umbro accusato della morte di Katia Dell'Omarino, la quarantenne biturgense ritrovata cadavere lungo le sponde del torrente Afra il 12 luglio scorso.

La chiusura delle indagini è arrivata nei giorni scorsi. Sul tavolo del pm Julia Maggiore sono arrivati i riscontri della genetista e gli ultimi risultati dell'autpsia. Secondo le prime indiscrezioni trapelate dopo l'esame autoptico, Katia Dell'Omarino sarebbe stata prima presa a pugni poi il suo aggressore le avrebbe stretto le mani attorno al collo ed infine l'avrebbe finita con un martello.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

Quasi sicuramente per Piter Polverini sarà richiesto il rito abbreviato in modo da ottenere degli sconti di pena. Per questa ragione a giudicarlo non sarà la Corte d'Assise ma il gup. La scelta difensiva da parte dei legali del ragazzo potrebbe comportare un cambiamento della data del processo.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Scuola nel caos, annullate le graduatorie dei docenti precari. Lunedì molte cattedre resteranno vuote

  • Calciomercato dilettanti, la tabella dei trasferimenti

  • Studente precipita da 6 metri il primo giorno di scuola: è grave. Sequestrata l'area

  • "Positivo al Covid e dimenticato in una stanza del pronto soccorso di Siena", la storia di un giovane padre aretino

  • Nomi, non tutti sono permessi: ecco quelli vietati dalla legge in Italia

  • Ubi in Intesa e filiali aretine a Bper, poi il dubbio Mps. Cosa ne sarà degli sportelli della città?

Torna su
Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Play
Replay
Play Replay Pausa
Disattiva audio Disattiva audio Disattiva audio Attiva audio
Indietro di 10 secondi
Avanti di 10 secondi
Spot
Attiva schermo intero Disattiva schermo intero
Skip
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...
ArezzoNotizie è in caricamento