ArezzoNotizie

Opinioni

ArezzoNotizie

Redazione ArezzoNotizie

Don Pasquale e le bestemmie di Bistone...

Non è facile, oggi, reperire l'Antologia di Poeti e Prosatori nell'Aretino che l'allora Centro Culturale Artistico Aretino pubblicò nel lontano 1978. Una copia mi si è appalesata durante una Fiera Antiquaria e non me la sono lasciata sfuggire. Il...

il-borro

Non è facile, oggi, reperire l'Antologia di Poeti e Prosatori nell'Aretino che l'allora Centro Culturale Artistico Aretino pubblicò nel lontano 1978. Una copia mi si è appalesata durante una Fiera Antiquaria e non me la sono lasciata sfuggire. Il contenuto di quelle 367 pagine è per lo più semplice, infatti si tratta spesso di poesie da adolescenti adulti; ma tra un autore e l'altro c'è del materiale buono e qualcosa di curioso. Riporto di seguito, in proposito, alcuni versi di Pasquale Mencattini, che in quel libro pubblicò quelle che definì "alcune poesie in dialetto aretino". L'autore attribuiva i suoi versi a un personaggio di fantasia che chiamò Bistone, immaginandolo come uno dei molti contadini delle campagne aretine.

LA BESTEMMIA

Bistone confessa al curato il suo vizio di bestemmiare

Un gne posso nisconde', sor cureto,

che 'l viziaccio ce l'ho de bastignere.

Ni momenti che so' più triboleto

me vengon su da se, senza volere.

Scommetto ch'anco al PEPA, s'aesse lena

de scambie' le su' cose co' le mia,

a dagni le mi' bestie e la mi' NENA,

un gn'escirebbe sempre l'IMMARIA.

Se fa cusì per di' (Dio me perdoni!)

ché a ripensacci è proprio da 'gnoranti

trattére a tu per tu con tuti i SANTI

come fussono 'n branco de birboni.

Che 'nfamia!... Che viziaccio proprio brutto,

spece per chi ci ha un bricelo de fede!

Ma quande ho mando un mocchelo, ce crede?

me sento meglio, come a fere un rutto!

Storico parroco del Borro (morto nel 2003) don Pasquale Mencattini era un uomo altruista e coraggioso, doti di cui ha dato testimonianza in piu' occasioni: nel 1943, ad esempio, si offri' ai militari tedeschi delle SS in cambio di un gruppo di persone catturate in una rappresaglia. Poi, a partire dagli anni '50, si e' fatto conoscere per la sua attivita' artistica e di rivalutazione delle tradizioni folcloristiche locali. Oltre alla realizzazione del celebre presepe meccanico e della vita di Pinocchio animata, il suo ultimo progetto, rimasto incompiuto, e' stata la ricostruzione didattica della civilta' contadina, attraverso una serie di scenografie animate.

Si parla di

Don Pasquale e le bestemmie di Bistone...

ArezzoNotizie è in caricamento