Autocertificazioni per spostamenti, cambia il modulo: scarica il documento. Novità per gli smartphone

C'è un'integrazione nel testo pubblicato sul sito del Ministero dell'Interno. Scarica il modulo

C'è una novità per quanto riguarda le autocertificazioni per gli spostamenti. Non cambia la sostanza e cioè che il documento è valido solo per casi di necessità: fare la spesa, visite mediche e/o di controllo, lavoro e così via.

Come recita però il sito del Ministero dell'Interno il modulo da ora in poi riporterà una nuova "voce con la quale l'interessato deve autodichiarare di non trovarsi nelle condizioni previste dall'art. 1 [...] che reca un divieto assoluto di mobilità dalla propria abitazione o dimora per i soggetti sottoposti alla misura della quarantena ovvero risultati positivi al virus "COVID-19'".

Coronavirus e fake news: 10 bufale su contagi e rimedi

Si tratta quindi una integrazione per rimarcare un concetto che dovrebbe essere quanto mai ovvio. Il nuovo modello prevede anche che l'operatore di polizia controfirmi l'autodichiarazione, attestando che è stata resa in sua presenza con l'identificazione del dichiarante. In tal modo il cittadino viene esonerato dal dover allegare all'autodichiarazione una fotocopia del proprio documento di identità.

Ricordiamo anche che l'autocertificazione possiamo compilarla a casa, prima di partire, ed esibirla al momento del controllo. In caso contrario verrà riempita dall'operatore delle forze dell'ordine se verremo fermati.

Scarica il nuovo modulo per gli spostamenti

Autocertificazione, disponibile anche in formato digitale per smartphone

Un 30enne di Cagliari, Cristian Pibia, programmatore in un call center (intervistato dal Corriere della Sera), ha messo a punto una versione digitale che può essere portata sempre con se nello smartphone. Il link per compilare e scaricare la versione digitale dell'autocertificazione lo trovate qui.

I vostri dati, saranno al sicuro e l'applicazione è gratuita. Nelle ultime ore Cristian Pibia ha modificato e migliorato la sua app, inserendo una modalità riservata alle sole forze dell’ordine, in modo che possano registrare più facilmente e velocemente le autocertificazioni dei cittadini in movimento. La versione digitale è stata scaricata più di 15mila volte in poche ore. 

Nelle info dell'apposito sito, ecco le risposte alle domande più frequenti:

È un sistema ufficiale?

No. Non è un sistema ufficiale del Governo o della Regione. È una semplice web-app che permette di creare con facilità e pochi click una autocertificazione degli spostamenti.

Devi disattivare ad-block per riprodurre il video.
Spot
Il video non può essere riprodotto: riprova più tardi.
Attendi solo un istante...
Forse potrebbe interessarti...

È valido come certificato?

Risposta: Si. Il certificato è valido ai fini dimostrativi e firmato digitalmente. La firma viene applicata digitalmente con il proprio nome e cognome, Data ufficiale e indirizzo ip al momento della firma. Il documento è redatto secondo il DCPM del 9 Marzo 2020 e verrà costantemente aggiornato in caso di successive modifiche.

In Evidenza

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • "Alla Chiassa non passa più nessuno". Punta la pistola in strada e si filma, ma arriva la Polizia: denunciato

  • Coronavirus, Ghinelli: "Uscite a fare la spesa? Tenete lo scontrino"

  • Medico chirurgo positivo al Covid-19 ricoverato al San Donato

  • E' morta una maestra elementare contagiata da Coronavirus

  • Il messaggio ai suoi 500 dipendenti: "Riguardatevi, torneremo". E' la prima cassa integrazione della Lem in 46 anni

  • "Se porti la mascherina ti guardano e ridono". Ilaria dall'Olanda racconta il Coronavirus: "Abbiamo avviato una raccolta fondi"

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento