Evento con la ex brigatista. Dal Comune: "Abbiamo chiesto di cancellare l'iniziativa", Mori: “Scelta condivisa”

Il sindaco ha espresso ieri ai referenti della Casa dell’Energia, a nome della giunta e di tutti i consiglieri comunali di maggioranza come l'evento non fosse affatto gradito

Nella foto la ex brigatista Balzerani

"A nulla avrebbero potuto valere gli eventuali accordi presi ed è stato chiesto formalmente di cancellare l’iniziativa".

Ed è per questa ragione che è stato annullato l'evento che avrebbe dovuto svolgersi all'interno della Casa dell'Energia e avente come protagonista la ex brigatista Barbara Balzerani. 

L'iniziativa, promossa da un privato cittadino, avrebbe dovuto trovare accoglienza all'interno dell'edificio di via Leone Leoni, stabile di proprietà comunale anche se gestito da Fabio Mori.

E' stato in seguito al tam tam attivatosi sui social che alcuni ex colleghi del sovrintendente Emanuele Petri, poliziotto ucciso 16 anni fa della Nuove Brigate Rosse, hanno riportato la notizia ai consiglieri comunali Angelo Rossi e Mery Cornacchini i quali, a loro volta, hanno informato e richiesto l'intervento della giunta comunale al completo e del sindaco. 

"Si trattava - ha scritto oggi in una nota ufficiale Alessandro Ghinelli, sindaco della città - di una iniziativa fortemente sgradita alla città di Arezzo, assolutamente e definitivamente indisponibile ad accettare la presenza di chi è stato tra i responsabili dei più efferati delitti degli anni più bui della nostra Repubblica senza mai pentirsi, ferite ancora aperte e dolorose. Un affronto che non saremmo stati disposti a tollerare”.

Parole che il sindaco ha espresso ieri ai referenti della Casa dell’Energia, a nome della giunta e di tutti i consiglieri comunali di maggioranza, a partire da Angelo Rossi e Mery Cornacchini che per primi hanno rilevato la notizia. Ai responsabili della sede dell’ex Bastanzetti, fanno sapere ancora dall'amministrazione, è stato chiaramente spiegato che nulla avrebbero potuto valere gli eventuali accordi presi ed è stato chiesto formalmente di cancellare l’iniziativa.

Dal canto suo il direttore della Casa dell’Energia, Fabio Mori ribadisce:

“Non essendo pervenuti i dettagli riguardanti l’evento al momento della richiesta di disponibilità della sala da parte nostra non era stata sarà alcuna conferma per là realizzazione dell’evento. Come già spiegato, qualche giorno fa mi era arrivata la richiesta da parte di un privato per poter usufruire della sala convegni. Come sempre facciamo in questi casi abbiamo chiesto delucidazioni in merito. Ci è stato risposto che lo spazio avrebbe ospitato la presentazione del libro di un'amica. Non ci è stato precisato né l'autrice né i contenuti del libro. Successivamente sono apparsi i post sui social ma da parte nostra non c'è volontà di ospitare l'evento. Non abbiamo mai dato l’ok allo svolgimento di questa iniziativa. Convinzione supportata anche dalla giunta comunale che ha condiviso con noi l’intenzione di non ospitare l’evento nonostante avessimo già dato parere negativo alla persona che ci aveva contattato”.

Potrebbe interessarti

I più letti della settimana

  • Sagre, feste paesane e cibo di strada: un calendario per i buongustai

  • Omicidio di Maria, ieri il funerale della donna. Ferrini e le sue paure: "Temeva un danno di immagine sul lavoro"

  • Non solo "La vita è bella". Tutti i film girati nell'aretino

  • Sushi ad Arezzo, i migliori ristoranti

  • Addio agli aloni su finestre e specchi, come lavare i vetri di casa

  • Vanno a funghi e trovano un tesoro: 45 chili di porcini

Torna su
ArezzoNotizie è in caricamento