Venerdì, 12 Luglio 2024
Sansepolcro Sansepolcro

Consacrati tre nuovi campanari a Sansepolcro

Sono Elton Toni, collaboratore della cattedrale, il diacono Alvaro Scarnicci, che nel mese di giugno sarà ordinato sacerdote, e il giovanissimo Lorenzo Giuliani di sette anni

Da domenica 24 aprile 2022 Sansepolcro ha tre nuovi campanari. I neo suonatori di campane sono stati consacrati in duomo nel corso della messa celebrata da don Giancarlo Rapaccini alle 10,30, in occasione della tradizionale festa annuale, del “Gruppo Campanari Borgo Sansepolcro”.

Si tratta ormai di una tradizione che si svolge proprio la domenica in Albis, seguente la Pasqua, chiamata appunto seconda domenica di Pasqua o domenica del Rinnovamento in cui, dal 2000, la Chiesa cattolica celebra anche la domenica della divina misericordia.

Nominati nuovi campanari, nel corso della funzione con la consegna della maglia ufficiale del gruppo, Elton Toni, che è collaboratore della cattedrale, il diacono Alvaro Scarnicci, che nel mese di giugno sarà ordinato sacerdote e che il vescovo Riccardo Fontana ha già destinato a Sansepolcro e il giovanissimo Lorenzo Giuliani di sette anni.
Le tre nomine hanno arricchito la tradizionale festa dell'amato gruppo, contrassegnata da vari momenti. Il campanile del duomo è stato aperto alle visite di soci e turisti, varie le suonate a distesa e oltre alla solenne messa nella cattedrale si è svolto anche il classico pranzo del campanaro in un ristorante della città, che quest'anno è stato il ristorante Fiorentino.

Il commento del rpesiodente Bruno Tredici

Dopo questo brutto periodo di Covid che ci ha turbato anche dal punto di vista sanitario e che in qualche modo è ancora presente tra noi, ora siamo turbati anche per questa guerra maledetta che porta morte e distruzione e anche se siamo lontani da questo popolo ci sentiamo vicini a questa gente e fa ricordare quanto insensata sia la mente umana e quanto sia pericolosa quando non funziona più a dovere; in questo periodo nefasto però la vita deve continuare, è per questo che abbiamo deciso di festeggiare come ogni anno la Festa dei Campanari del Borgo che si celebra proprio nella domenica dopo Pasqua; in pratica sono due anni che non avevamo fatto questa ricorrenza – ha detto il presidente del gruppo Bruno Tredici - Quest'anno la festa si arricchisce della vestizione di alcuni campanari grandi e piccoli che conoscete abbastanza bene".

Ricordati nel discorso del presidente anche i campanari che non ci sono più. Esposte in cattedrale, per l'occasione, anche le due pergamene dipinte da Irma Vandi con l'elenco dei campanari del Borgo e l'atto costitutivo ufficiale del gruppo, datato 14 febbraio 1994, sottoscritto, tra l'altro, dall'allora presidente Umberto Cardelli. La costituzione del gruppo di fatto regolamentò una attività che, però, era ben più antica e che risale ai tempi della costruzione stessa dei campanili.

Le visite

Molte le visite nel campanile aperto, per l'occasione, dalle 9,30 alle 12,30 e dalle 16,30 alle 18,30. I visitatori hanno potuto salire in uno dei punti panoramici più alti dellla Città per vedere la valle, assistere da vicino alle suonate, ma anche avvicinarsi ad una delle realtà più rappresentative di Sansepolcro che suona ancora a mano, senza alcuna elettrificazione, un sistema importante di campane. Non esiste evento cittadino o ricorrenza nazionale, specialmente quando si tratta di solidarietà, che non siano contrassegnate dal suono delle campane del duomo e in diversi giorni dell'anno il campanile del duomo rimane aperto per permettere a tutti di avvicinarsi alla storia del xampanile e all'attività di chi lo anima. Il 3 marzo scorso avevano suonato aderendo all'iniziativa di Campane a distesa per la Pace; in orari diversi le campane di tutta Europa avevano suonato come augurio di pace e in senso di vicinanza alle popolazioni oppresse dalla difficile situazione di guerra. Ai campanili di Sansepolcro era toccato l'orario delle 20 e a suonare erano state le campane dei campanili di San Francesco, Santa Maria dei Servi e del Duomo. Dunque lo stesso gruppo si occupa, non solo del campanile del duomo ma anche degli altri anche quando questi sono azionati da un meccanismo elettrico come nel caso di quello di San Francesco. La preziosa associazione dimostra essere una bella famiglia che svolge la sua attività con impegno, si prende cura della memoria ed investe sui giovani

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Consacrati tre nuovi campanari a Sansepolcro
ArezzoNotizie è in caricamento