Sansepolcro

Il teatro va in onda alla radio con "La pagina più bella del mondo"

Alle ore 18,00 per cinque giorni a settimana dal lunedì al venerdì il teatro va in onda alla radio, almeno fino ai primi di maggio

Il teatro a Sansepolcro passa sicuramente attraverso il nome dell’attrice e regista Caterina Casini, direttrice artistica della stagione, al teatro alla Misericordia, di Laboratori Permanenti e docente nei corsi comunali di drammaturgia e recitazione. Il pubblico che si avvicina ormai da tanti anni alle iniziative della Casini, orfano di tante iniziative teatrali e assetato della dimensione che solo il palcoscenico può dare, ha però una valvola di sfogo. Il teatro è entrato nelle case e ha raggiunto gli appassionati attraverso la Radio; Errevuti di Sansepolcro sta trasmettendo via etere e in web, la versione radiofonica de  “La pagina più bella del mondo” iniziativa che vede le letture degli attori passati per le stagioni curate dalla Casini, degli allievi dei corsi comunali e degli appassionati di recitazione che in questi anni si erano succeduti al doppio appuntamento annuale, in teatro, dedicato a letteratura e poesia.

L'idea venuta da confronto interno a Laboratori Permanenti su come poter offrire qualcosa al pubblico, per poter fare compagnia e mantenere vivo il rapporto con gli spettatori potrebbe avere in futuro anche uno sviluppo nella televisione locale. “ É   chiaro che col teatro al momento chiuso non possiamo avere un rapporto diretto con il pubblico, e quindi stiamo cercando altre possibilità di stimoli culturali, che creino compresenze, se pur virtuali – dice la Casini - Questo non sostituirà mai il rapporto diretto, il Teatro dal Vivo  ha necessità dei corpi, ma potrà servire a mantenere la relazione e offrire magari occasioni di svago e di confronto”.

Siamo alla fine della quinta settimana, il programma andando in onda per cinque giorni a settimana dal lunedì al venerdì, ha già registrati 25 lettori. Intanto altri artisti stanno inviando materiali, anche dalla Francia, dalla Grecia, da varie parti d’Italia e, tra gli altri, sono protagonisti anche gli attori della Compagnia di Teatro Popolare di Sansepolcro. Gli allievi della Scuola Comunale di Teatro di Sansepolcro hanno anche prodotto un racconto unico a più voci, ciascuno dalla propria casa, montato poi dalla regia dell’iniziativa. Il progetto, previsto fino ai primi di maggio, visto il successo registrato, potrebbe continuare anche in futuro, quelli che siano gli sviluppi dell’attuale condizione di quarantena.  La collaborazione con la radio funziona e per gli attori è facile partecipare, basta un cellulare, una scenografia casalinga e la migliore interpretazione.

I testi sono quasi tutti appartenenti alla grande letteratura mondiale, soprattutto di autori comprovati, ma ci sono anche testi contemporanei di giovani. Chi non si sintonizzasse con la radio può riascoltare i testi in differita e con video sulle pagina facebook di Laboratori Permanenti e di Errevuti. “Comunicare tramite un supporto audiovisivo, con un prodotto compiuto, implica comunque una relazione con il pubblico, dunque una responsabilità attoriale – spiega Caterina Casini - Una lettura, se pur breve, va comunque preparata e indirizzata al pubblico in ascolto, anche se non sei un professionista, e soprattutto se sei un professionista”. 

Se il pubblico dunque non va a teatro è il teatro che va al pubblico. Il teatro sembra dunque continuare a coltivare il suo pubblico e riesce a raggiungerlo a casa anche in questi momenti.

“Siamo tutti attraversati da uno  choc, dovremo riprendere confidenza con noi stessi e con il resto che ci circonda, dovremo capire cosa ci è successo e come usare questo evento epocale che stiamo attraversando, per migliorarci. Credo che più che mai  noi artisti   siamo e saremo chiamati a lavorare sul l'aggregazione, la comunità, l'incontro, tutto questo sarà fondamentale una volta riavviati verso la normalità. – spiega Caterina Casini - L'attività che riusciamo a mandare avanti, con ostinazione nostra e degli allievi devo dire, e di questo siamo molto contenti, è la Scuola Comunale di Teatro di Sansepolcro , che prosegue le sue lezioni online, con un lavoro concentrato sulla parola e l'interpretazione della parola molto approfondito e seguito per la recitazione, e prosegue sempre online con il laboratorio di scrittura scenica e drammaturgia. E' chiaro che qui, come per tutte le lezioni online, qualcuno si perde, o perché non ha il mezzo tecnico per seguire e partecipare, o perché risulta troppo faticoso per la persona o per la famiglia utilizzarlo; di queste persone ci si dovrà occupare con particolare attenzione quando potremo ricongiungerci”. 

Il Teatro Alla Misericordia è chiuso dal 4 marzo, e da fine febbraio la Compagnia Laboratori Permanenti è ferma, annullate tutte le repliche previste fuori, le recite delle compagnie ospiti a Sansepolcro con le formule delle residenze previste fino a giugno, gli incontri col pubblico, il rapporto con le scuole, i laboratori, i progetti scuola/lavoro e tutto il lavoro delle prove, compreso quelle per lo spettacolo finale della Scuola Comunale di Teatro ma il lavoro non sembra essersi fermato. Si sono  raddoppiati i contatti, i confronti, i tavoli di lavoro con RAT, il coordinamento delle residenze artistiche toscane, e con strutture nazionali.  Laboratori Permanenti, assieme alle altre realtà teatrali, cerca di pensare al futuro affrontando i problemi che si stanno presentando per tutto il settore in generale e si avvia alle tanto attese fasi in cui si potrà parlare di riapertura degli spazi all’aperto fino a giungere alla tanto attesa riapertura di quelli al chiuso quando gli attori potranno finalmente rimettere in movimento il loro corpo. Intanto, a portata di mano, la radio ci ricorda l’evocativo potere delle parole specie quando sono affidate all’interpretazione attoriale di chi il teatro lo ama.

Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Il teatro va in onda alla radio con "La pagina più bella del mondo"

ArezzoNotizie è in caricamento