menu camera rotate-device rotate-mobile facebook telegram twitter whatsapp apple googleplay

Sì agli spostamenti tra regioni nei comuni di confine. Ma serve ok di prefetti e sindaci

“L’ordinanza è regionale evale per la Toscana – dice il sindaco di Sansepolcro Cornioli –. Ringraziamo la Regione per aver accolto la richiesta. Abbiamo chiesto i chiarimenti al Prefetto e c'è massima intesa con i sindaci confinanti”

L’articolo 23 dell’ordinanza 57, firmata ieri dal presidente della Regione Toscana Enrico Rossi, riporta che gli spostamenti tra comuni confinanti di regioni diverse saranno ammessi esclusivamente “previa comunicazione congiunta da parte dei sindaci dei Comuni tra loro confinanti ai Prefetti competenti”.

Quindi, con l’ok dei sindaci, i cittadini potranno spostarsi nei Comuni confinanti, non solo per lavoro o motivi di urgenza ma anche per andare a trovare i loro cari che non vedono da mesi. Ecco il commento del sindaco di Sansepolcro, comune confinante con Citerna, Città di Castello e San Giustino in provincia di Perugia e Borgo Pace in quella di Pesaro Urbino.

“L’ordinanza però è regionale e quindi vale per la Toscana – dice il sindaco Cornioli – Ringraziamo la Regione per aver accolto la richiesta che già da fine aprile avevamo ufficializzato. Abbiamo chiesto i chiarimenti al Prefetto e c'è massima intesa con i sindaci confinanti”.

Quindi - continua il sindaco biturgense - non è ancora possibile spostarsi nei comuni confinanti di altre regioni.

Argomenti
Condividi
In Evidenza
Cronaca

Coronavirus, altri 76 contagi nell'Aretino e 29 persone guarite

social

'Che sarà', il brano ispirato a Cortona che arrivò secondo a Sanremo

Ultime di Oggi
Potrebbe interessarti
In primo piano
  • Gossip Style

    Le borse più belle del 2021

  • Cucina

    La ricetta dei waffles

  • Psicodialogando

    I 4 motivi che spingono una donna verso l'uomo di potere

Torna su

Canali

ArezzoNotizie è in caricamento