Mercoledì, 4 Agosto 2021
Sansepolcro

Pd e Insieme Possiamo Sansepolcro: "Chiudono negozi e aziende. Che fino hanno fatto le promesse del sindaco imprenditore?"

Nota del Pd e di Insieme Possiamo di Sansepolcro: "Ancora chiusure di esercizi commerciali e difficoltà per le piccole e medie imprese nel nostro territorio, nonostante sembra consolidarsi a livello italiano una stabile ripresa economica, frutto...

Sansepolcro_vista

Nota del Pd e di Insieme Possiamo di Sansepolcro: "Ancora chiusure di esercizi commerciali e difficoltà per le piccole e medie imprese nel nostro territorio, nonostante sembra consolidarsi a livello italiano una stabile ripresa economica, frutto di sacrifici e di una serie di riforme importanti".

Non ci sono facili ricette per il rilancio dell'economia, come voleva farci credere il sindaco imprenditore, con le sue promesse in campagna elettorale, perché va costruito un percorso di lungo periodo con il concorso di tutti i soggetti interessati, imprese, professionisti, lavoratori, banche e un ruolo rilevante, di coordinamento e impulso lo devono svolgere le istituzioni e le forze politiche che le animano. Per questo abbiamo chiesto al sindaco e alla sua giunta di prendersi l'impegno con noi e con tutte le forze politiche della città per creare una conferenza economica periodica, ben preparata con studi adeguati, per Sansepolcro e l'intera Valtiberina con lo scopo di monitorare le situazioni in itinere e creare un progetto di sviluppo condiviso e partecipato con un orizzonte temporale medio lungo che sia la via maestra per la nostra intera economia coinvolgendo la Regione Toscana, la Provincia di Arezzo, la Camera di Commercio, i soggetti privati, le associazioni di categoria e i sindacati. Una proposta, la nostra, modificabile su cui si poteva aprire un confronto per fare rete, allargare gli orizzonti, interagire con altre esperienze, mettersi in discussione e guardare con consapevolezza e insieme la complessità dei tempi che stiamo vivendo scoprendo le risorse e le possibilità che possono sostenere la crescita economica. Il comparto del commercio, per esempio, fatica in maniera consistente in quanto le nuove forme di commercio penalizzano i piccoli esercenti che non devono essere lasciati soli, ma con i quali va costruito un nuovo modello, rifacendosi anche ad esperienze di successo, che caratterizzi le loro professionalità e peculiarità sfruttando l'innovazione tecnologica e una visione di sviluppo complessivo della città. Di fronte a una proposta responsabile, la nostra, costruita al solo fine di migliorare le condizioni di vita e di lavoro nella città, la maggioranza ha deciso di votare contro la realizzazione di un progetto di sviluppo organico e di continuare con i suoi proclami e con la sterile minimizzazione dei problemi. Tutte le proposte che provengono dalle minoranze sono state puntualmente bocciate, l'atteggiamento di questa maggioranza è di totale chiusura, sembra che si tema l'apertura di un confronto e che sia meglio rimanere immobili. Ci dispiace molto che il Sindaco-Imprenditore abbia intrapreso la strada solitaria della marginalizzazione, accettando di confrontarsi solo con i suoi che gli dicono "bravo".
Si parla di

In Evidenza

Potrebbe interessarti

Pd e Insieme Possiamo Sansepolcro: "Chiudono negozi e aziende. Che fino hanno fatto le promesse del sindaco imprenditore?"

ArezzoNotizie è in caricamento